La Top 11 dei migliori giocatori dell'Italia nella prima fase della Nations League

Nov 19, 2020, 1:39 PM GMT+1
Domenico Berardi
Italy v Poland - UEFA Nations League | Quality Sport Images/Getty Images
facebooktwitterreddit

Ormai da giorni la Nazionale azzurra continua a collezionare vittorie, trovando finalmente una dimensione più congeniale per il suo rendimento e sfruttando reparti sempre più puntuali e istruiti. C'è chi si è distinto particolarmente, costituendo la base imprenscindibile di una rosa piena di alternative e che vede tra le sue fila diversi talenti. Tra questi, ecco la Top 11 dei migliori giocatori dell'Italia nella prima fase della Nations League.

Gianluigi Donnarumma

Gianluigi Donnarumma
Italy v Poland - UEFA Nations League | Alessandro Sabattini/Getty Images

Giovanissimo talento che da diversi anni ormai ha convinto l'Italia e non solo. Cresciuto al Milan dove è diventato un perno inamovibile, rappresenta un talento già testato e approvato. Solo 21 anni ed è già uno dei migliori portieri italiani, è difficile scollarlo dai pali della Nazionale in cui è ormai una certezza. Tanta maturità per un ragazzo che è già tra i più eminenti del calcio italiano, la maglia azzurra è tutta meritata.

Alessandro Florenzi

Alessandro Florenzi
Italy v Poland - UEFA Nations League | Alessandro Sabattini/Getty Images

Altro affezionato della Nazionale è Florenzi, considerato un pò da sempre un giocatore di qualità, duttile e tempestivo che ultimamente sta facendo molto bene, ma che ha sempre saputo dimostrare di avere i requisiti e l'attitudine giusta per potersi fare carico della responsabilità azzurra. Ottime capacità di inserimento, sempre pronto a sovrapporsi, un elemento prezioso nella rosa, che lo ha visto più volte protagonista di chiusure e giocate puntuali.

Emerson Palmieri

Emerson Palmieri
Portugal v Italy - UEFA Nations League A | Quality Sport Images/Getty Images

Giocatore brasiliano naturalizzato italiano che ha scelto la nazionale azzurra. Sa divincolarsi bene in difesa e spingersi in avanti, palla al piede, è migliorato molto maturando in precisione, e sviluppando il dribbling che da buon brasiliano, per tradizione, già possedeva. Incisivo, e con un identikit tecnico che lo rende conforme al gioco che questa Italia vuole sviluppare, un nome sempre più frequente in campo.

Francesco Acerbi

Francesco Acerbi
Italy v Poland - UEFA Nations League | Alessandro Sabattini/Getty Images

Fra i protagonisti di Italia-Polonia, Acerbi sta mettendo insieme una performance positiva dopo l'altra. Poche sbavature, buone capacità di impostazione di gioco, un difensore notevole, essenziale che sta gestendo bene questa convocazione in Nazionale, e che sta restituendo bene la fiducia che gli è stata data. Ponderato e prudente, è un'assicurazione contro i rivali.

Marco Verratti

Marco Verratti
Poland v Italy - UEFA Nations League | PressFocus/MB Media/Getty Images

Altro habitué della nazionale, una sentenza. Uno dei migliori talenti a disposizione, con un'intelligenza tattica e una percentuale bassissima di passaggi sbagliati, è un giocatore limpido. Playmaker di qualità che sopperisce alla scarsa imponenza fisica con tecnica e aggressività, fondamentale tanto in fase di costruzione di gioco che non, è uno dei talenti alla quale la nazionale ha ricorso per appoggiarsi e dettare i tempi di gioco. Uno dei più presenti in passato, e uno dei più rilevanti adesso.

Jorginho

Jorginho
Poland v Italy - UEFA Nations League | Claudio Villa/Getty Images

Altro italo-brasiliano in squadra, e si vede. Per diverso tempo estromesso dalla possibilità di contribuire alla rincorsa della Nazionale, adesso sta diventando sempre più imprescindibile, e lascia impronte azzurre al suo passaggio. Un giocatore essenziale che tocca palla solo quando serve e nel modo giusto, scegliendo sempre le soluzioni corrette e consolidando il possesso, un professore che conosce bene il campo e lo fa notare. Uno dei riferimenti quando il gioco si sviluppa, onnipresente e base del nuovo progetto di Mancini.

Nicolò Barella

Nicolò Barella
Italy v Netherlands - UEFA Nations League | Alessandro Sabattini/Getty Images

23enne di carattere, gioca perfettamente con Berardi e inserendosi con tempestività. Da sempre considerato uno dei giovani talenti più meritevoli e ineccepibili, questa nazionale è ormai diventata un palcoscenico in cui può esibirsi e dare prova delle sue abilità tecniche. Recupera palla con impudenza e si muove bene coprendo i buchi e gli spazi del campo, un giocatore dinamico, efficace ed estroverso che deve maturare ma che da speranza a un progetto che sta effettivamente riuscendo. Il vigore giovanile incarnato in tutte le sue giocate.

Manuel Locatelli

Manuele Locatelli
Italy v Poland - UEFA Nations League | Alessandro Sabattini/Getty Images

Ai tempi del Milan si era affacciato più volte senza mai riuscire a farsi scorgere, aveva dato qualche spunto e supposizione ma non aveva concretizzato nessuna svolta. Adesso Locatelli sta confermando le inziali ipotesi di un 22enne acerbo ma di intuito e sopratutto di vitalità. Talvolta è stato disordinato, ma sta gestendo bene questo difetto, convertendolo in quello che adesso è sempre più temperamento e stoffa. Ottima la prestazione contro la Bosnia, forse questo potrebbe essere il momento di rottura in cui Locatelli ha davvero trovato l'accelleratore e ha intenzione di spingerlo.

Domenico Berardi

Domenico Berardi
Italy v Poland - UEFA Nations League | Quality Sport Images/Getty Images

Tra le sorprese di questa Nazionale, Berardi sta affrontando un'evoluzione tutta in azzurro. Si è dimostrato un'ottima arma da usare in area, abile nelle anticipazioni e negli scatti. Nell'ultima partita contro la Bosnia, in particolare, ha palesato il talento cristallino che è stato spesso offuscato durante gli anni anche a causa delle pecche caratteriali. Assist precisi e visione di gioco compiute lo stanno definendo come uno dei punti di forza dell'attacco azzurro.

Lorenzo Insigne

Lorenzo Insigne
Netherlands v Italy - UEFA Nations League | Dean Mouhtaropoulos/Getty Images

Giocatore brillante, che in nazionale non delude mai, uno dei migliori in Italia che ha fatto innamorare la stampa, i tifosi e i compagni. Tanta voglia di fare, di concretizzare e di contribuire, è diventato un leader, un elemento insostituibile non solo per le abilità tecniche ma anche per l'attitudine. Propositivo e sfrontato, gioca ogni minuto al massimo delle capacità, dimostrandosi letale e fulmineo sotto porta. Sa divincolarsi bene e dileguarsi palla al piede anche in situazioni ostiche. Insigne è sicuramente uno dei simboli di questa Italia.

Andrea Belotti

Andrea Belotti
Italy v Poland - UEFA Nations League | Alessandro Sabattini/Getty Images

Altro grande affiliato della Nazionale, Belotti è un caso controverso, spesso in ballottaggio con Ciro Immobile, i numeri non sono dalla sua parte. Tuttavia il gallo ha prestanza fisica, ottimale per un centravanti, e un forte spirito di sacrifico, sempre più difficile da trovare. Giocatore di grinta e infaticabile corridore, si muove nel suo reparto senza fermarsi un attimo, facendosi trovare sempre al posto giusto. Talvolta impreciso nei passaggi, ma il suo ruolo sottoporta è un'affare a parte, fiuta le opportunità e se le va a prendere.

Segui 90min su FacebookInstagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo e della Serie A.

facebooktwitterreddit