Juventus

La storia di Paolo Montero come allenatore

Giovanni Benvenuto
Paolo Montero
Paolo Montero / Jonathan Moscrop/GettyImages
facebooktwitterreddit

La Juventus è ormai finita in toto sulla graticola: gli ultimi risultati di Massimiliano Allegri hanno di fatto scatenato il malumore dei tifosi, con questi ultimi che - adesso - hanno attivato sui social una girandola di commenti e opinioni ovviamente non positivi sul tecnico livornese. Allo stesso tempo, tra un #AllegriOut e un #MonzaJuve (quest'ultimo in tendenza dopo la sconfitta bianconera al Brianteo), c'è chi chiama un nuovo nome, o meglio una vecchia gloria del club sulla panchina della prima squadra: Paolo Montero. L'ex difensore è amatissimo dalle parti della Continassa. Cuore, grinta e senso d'appartenenza hanno fatto di Montero una bandiera della Juve e per questi motivi c'è chi oggi lo vorrebbe nuovamente abbracciare all'Allianz Stadium. Adesso è alla guida dell'Under-19, ma il suo "viaggio" come tecnico parte dal Sud America. Conosciamo meglio il suo "cammino" come allenatore.

Gli inizi con Penarol, Boca Unidos e Rosario Central

Una volta terminata la carriera da calciatore, Montero comincia per un breve periodo a svolgere la professione di procuratore sportivo prima di approdare al Penarol nel novembre 2014 per sostituire il dimissionario Jorge Fossati. Montero mantiene l'incarico fino al 23 dicembre per poi far spazio a Pablo Bergoechea. Successivamente, precisamente nel marzo 2016, viene ingaggiato come tecnico nel Boca Unidos (club militante nella seconda serie argentina). Nella parte successiva dello stesso anno approda al Colòn de Santa Fe, squadra che lascia a fine dicembre per diventare nel gennaio 2017 allenatore del Rosario Central.

FBL-WC2014-URUGUAY-MONTERO
Paolo Montero / PABLO PORCIUNCULA/GettyImages

La parentesi con la Sambenedettese

Dopo aver ottenuto la qualifica Uefa A a Coverciano, il 6 giugno 2019 approda come tecnico alla Sambenedettese in Serie C. Nel campionato seguente viene eliminato ai play-off dal Padova e ad ottobre 2020 viene sollevato dall'incarico di tecnico a causa dei risultati alquanto altalenanti. Viene richiamato l'anno successivo per subentrare a Mauro Zironelli e nonostante la grave situazione societaria del club riesce comunque a qualificarsi nuovamente per i play-off perdendo però al primo turno contro il Matelica.

Il ritorno in Argentina e la Juve Under-19

Dopo l'esperienza nel campionato di Serie C, Montero ritorna in Argentina. Stavolta - precisamente il 17 giugno 2021 - si siede sulla panchina del San Lorenzo, ma la sua parentesi col club di Buenos Aires termina ad ottobre. Il 28 giugno 2022 viene chiamato dalla Juventus per assumere la guida dell'Under-19. Momentaneamente è a soli due punti dal Torino capolista, ma in questa stagione ha già mostrato un calcio propositivo con un 4-3-3 piuttosto spregiudicato. Il dato emblematico? 14 reti in 5 gare, quasi tre in 90' minuti. Il prossimo appuntamento è proprio contro i granata, e chissà che una vittoria - insieme a un nuovo passo falso di Allegri - possa dare la spinta per renderlo traghettatore della prima squadra in un momento di difficoltà.


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit