La moviola di Juventus-Inter

Stefano Bertocchi
Uno scatto di Juventus-Inter
Uno scatto di Juventus-Inter / Anadolu Agency/GettyImages
facebooktwitterreddit

Tante polemiche, come sempre, dopo l'ultima sfida tra Juventus e Inter. La Gazzetta dello Sport oggi in edicola analizza gli episodi clou del match, partendo dal calcio di rigore assegnato a favore dei nerazzurri sul finale del primo tempo.

Juventus  v FC Internazionale - Serie A
L'arbitro Irrati / Anadolu Agency/GettyImages

Nell'area di rigore bianconera il Var vede il pestone di Morata sul piede di Dumfries che era sfuggito all'arbitro Irrati: il direttore di gara assegna il rigore dopo “on field review”. Il tiro di Calhanoglu dal dischetto viene respinto e dopo una serie di carambole e contatti la palla termina in rete: inizialmente Irrati annulla perché ravvisa un fallo dell’interista, poi interviene ancora una volta il Var che segnala un’entrata in area anticipata di De Ligt che finisce per impattare sull’azione dopo la respinta di Szczesny. Motivo per cui il rigore viene ripetuto e segnato dall'interista.

Dubbi sul contatto del secondo tempo tra Zakaria e Bastoni: il contatto tra le gambe destre avviene dentro o fuori dall’area di rigore? "Irrati attende il “silent-check” con Mazzoleni che lascia la decisione dal campo, ovvero punizione al limite, ma il dubbio rimane. Circa i due rigori chiesti dalla Juve a fine gara (da De Ligt e Vlahovic): non ci sono gli estremi per poterli assegnare" conclude la rosea.


Segui 90min su Twitch.

facebooktwitterreddit