Serie A

La Juventus si infrange sulla Sampdoria: termina 0-0 a Marassi

La redazione di 90min
Sampdoria-Juventus
Sampdoria-Juventus / Simone Arveda/GettyImages
facebooktwitterreddit

Primo pareggio stagionale per la Juventus, che nel posticipo della 2ª giornata di Serie A non va oltre lo 0-0 contro la Sampdoria. Allo Stadio Marassi i bianconeri sentono l'assenza di Angel Di Maria e faticano a creare potenziali occasioni da gol. Ad andare più vicini alla rete sono proprio i blucerchiati, che colpiscono due legni nel primo tempo.

Con questo 0-0, la Juve si posiziona al quarto posto in classifica, mancando l'aggancio in vetta a Napoli, Inter e Rima che, invece, hanno vinto le rispettive partite. La Samp invece conquista il primo punto del suo campionato.

La chiave tattica di Sampdoria-Juventus

La squadra di Giampaolo inizia la gara con un atteggiamento propositivo e, nonostante l'inferiorità tecnica, gioca con un baricentro alto cercando il prima possibile i tagli dei giocatori offensivi. La Juventus ne resta spiazzata, ma regge l'assalto blucerchiato. Eppure, i bianconeri faticano a costruire con i centrocampisti e devono affidarsi per la maggior parte del tempo ai lanci lunghi per Vlahovic o per gli esterni. Nella ripresa la Doria cala dal punto di vista fisico, concedendo il fianco alla Juve che mantiene il pallone tra i piedi per tutti i 45 minuti anche se, però, non riesce a trovare la via della rete.

L'episodio chiave di Sampdoria-Juventus

UC Sampdoria v Juventus - Serie A
La parata di Perin / Simone Arveda/GettyImages

Samp-Juve non è stata una gara ricca di spunti interessanti. Dunque non è difficile scegliere l'episodio più significativo: se Leris avesse insaccato il pallone in porta anziché farsi ipnotizzare da Perin, adesso probabilmente parleremmo di una partita ben diversa. La zampata dell'estremo difensore bianconero è di fatto la sliding door del match di Marassi.

Il migliore in campo di Sampdoria-Juventus: Omar Colley

C'era curiosità di vedere come la Juve avrebbe sopperito all'assenza di Angel Di Maria. Per dare la giusta imprevedibilità all'attacco, Allegri ha schierato due esterni di corsa come Cuadrado e Kostic e, naturalmente, il bomber Dusan Vlahovic. Il tridente bianconero aveva tutte le caratteristiche per poter decidere la partita, ma hanno dovuto fare i conti con un vero e proprio muro. Omar Colley ha gestito con diligenza la resistenza doriana e ha tenuto botta sul piano fisico contro la punta serba della Juventus.

Il tabellino di Sampdoria-Juventus

SAMPDORIA (4-2-3-1): Audero; Bereszynski, Ferrari, Colley, Augello (73' Murru); Rincon (67' Verre), Vieria (78' Depaoli); Leris, Djuricic (73' Villar), Sabiri; Caputo (78' Quagliarella). All. Giampaolo.

JUVENTUS (4-3-3): Perin; Danilo, Rugani, Bremer, Alex Sandro (46' De Sciglio), McKennie (61' Miretti), Locatelli (84' Rovella), Rabiot; Cuadrado (77' Kean), Vlahovic, Kostic. All: Allegri.

ARBITRO: Abisso di Palermo.

AMMONITI: Djuricic (42'), Locatelli (44'), Verre (86'), Rovella (91').


Guarda l'ultimo episodio de "Il Corner" sul canale YouTube di 90min Italia.

facebooktwitterreddit