Premier League

Kevin De Bruyne, l'unico superstite del City pre-Guardiola

Francesco Castorani
Manchester City v Arsenal  - Premier League
Manchester City v Arsenal - Premier League / Michael Regan/GettyImages
facebooktwitterreddit

La mano di Guardiola e della proprietà del City. Ce ne ha messo di tempo il Manchester a dominare dall'arrivo di Al Mubarak come presidente. Sarebbe inutile contare le centinaia di milioni spesi per rinforzare la squadra anno dopo anno. 6 Premier League vinte dal cambio di proprietà che diventano 8 in totale con i campionati inglesi vinti nel 1938 e nel 1968.

Dei 29 trofei conquistati nella storia dal City, 17 sono stati vinti dal 2011 in poi, 11 dei quali con Pep Guardiola in panchina. Il tecnico spagnolo sta dominando l'Inghilterra dal suo arrivo con una media di circa 2 trofei a stagione e 4 Premier League vinte su 6 disputate. Ha trascinato il Manchester City in Finale di Champions League sfiorando il titolo contro il Chelsea di Thomas Tuchel, ottenendo comunque il miglior piazzamento di sempre per quanto riguarda la massima competizione europea.

TOPSHOT-FBL-ENG-PR-MAN CITY-TROPHY-PARADE
TOPSHOT-FBL-ENG-PR-MAN CITY-TROPHY-PARADE / OLI SCARFF/GettyImages

Il cambiamento rispetto alla rosa trovata nel 2015 è impressionante. Della squadra trovata al suo arrivo a Manchester resta soltanto Kevin De Bruyne, capitano dell'attuale City e tra i centrocampisti al mondo. Gli addii negli anni di Vincent Kompany, capitano allora e allenatore oggi, Nicolas Otamendi, Yaya Toure, Sergio Aguero, David Silva e, in questa stagione Raheem Sterling e Fernandinho hanno segnato un'epoca indimenticabile per i citizens.

Ricordate la formazione del Manchester City di Pellegrini nel 2015?

Wilfried Bony
Manchester City v Sunderland - Premier League / Jan Kruger/GettyImages

Manchester City 2015/16 XI. 4-2-3-1: Hart; Sagna, Kompany, Otamendi, Kolarov; Fernandinho, Yaya Toure; Sterling, David Silva, De Bruyne; Aguero. All. Pellegrini

Con gli addii di Gabriel Jesus, Sterling, Fernandinho e gli arrivi di Julian Alvarez, Haaland e Phillips come cambierà invece il Manchester City di Pep Guardiola nella prossima stagione? Ecco un paio di possibilità.

Manchester City 2022/23, Possibile XI. 4-3-3: Ederson; Walker, Ruben Dias, Laporte, Cancelo; Rodri/Phillips, Bernardo Silva, De Bruyne; Mahrez, Haaland, Foden.

Kalvin Phillips
England v Hungary: UEFA Nations League - League Path Group 3 / Visionhaus/GettyImages

Manchester City 2022/23, Possibile XI. 4-2-3-1: Ederson; Walker, Ruben Dias, Laporte, Cancelo; Rodri, Phillips; Mahrez, De Bruyne, Foden; Haaland.

facebooktwitterreddit