Serie A

La Juventus soffre ma Vlahovic la prende per mano: Empoli battuto 3-2

Andrea Gigante
Empoli - Juventus
Empoli - Juventus / ALBERTO PIZZOLI/GettyImages
facebooktwitterreddit

La Juventus soffre più del previsto ma riesce comunque ad avere la meglio sull'Empoli. Al Castellani le due squadre offrono una gara spettacolare, piena di gol e colpi di scena; alla fine però i bianconeri si impongono 3-2 e guadagnano punti su Inter e Milan.

Ad aprire le danze è Kean che approfitta di un cross al bacio di Rabiot. I ragazzi di Aurelio Andreazzoli si riportano sul vantaggio grazie a Zurkowski, ma la Juve ci mette poco a riportarsi in avanti con Vlahovic che batte Vicario dopo essersi sbarazzato del difensore con una finta di gran classe. Nella ripresa è ancora il serbo a timbrare il cartellino. A nulla serve il gol siglato da La Mantia: è la Juventus a uscire dal campo con i 3 punti.

La chiave tattica di Empoli-Juventus

Massimiliano Allegri concede un po' di riposo a Morata e lancia un tandem inedito composto da Kean e Vlahovic. In fase difensiva, i bianconeri si schierano con il 4-4-2, con Rabiot schierato come laterale sinistro. Quando si attacca, il francese si accentra, Cuadrado sale e la Juve passa a un più propositivo 4-3-3.

In impostazione, gli ospiti soffrono il pressing dell'Empoli che quando non riesce subito a recuperar palla, decide di fare densità davanti all'area di rigore. La Juventus è dunque brava a far breccia nella difesa avversaria e a portarsi in vantaggio con Kean. Il pareggio dei toscani è frutto di un'azione casuale, mentre il 2-1 è il risultato di una splendida giocata individuale di Vlahovic, bravo a sbarazzarsi del difensore e del portiere con una finta e a mettere il pallone a porta praticamente vuota.

Nella ripresa, la Vecchia Signora gestisce diligentemente il vantaggio e si porta addirittura sul 3-1 ancora grazie all'attaccante serbo che addomestica bene un passaggio filtrante di Morata e batte di nuovo Vicario. Il gol di La Mantia ci permette di seguire con entusiasmo gli ultimi minuti della partita, ma la Juve riesce comunque ad avere la meglio.

L'episodio della partita

La sfida del Castellani è stata frizzante e piena di gol. Tuttavia, è impossibile non parlare di quello siglato da Dusan Vlahovic nel primo tempo. Da buon rapinatore d'area, il serbo è stato bravo a controllare l'imbucata di Cuadrado e poi si è liberato degli ostacoli che aveva davanti spostandosi il pallone portandoselo sul sinistro.

Il migliore in campo - Dusan Vlahovic

Dusan Vlahovic
Dusan Vlahovic / Gabriele Maltinti/GettyImages

Il bomber serbo sigla la sua prima doppietta in bianconero e si merita il premio come MVP della gara. Vlahovic ha siglato due gol diversi ma ugualmente splendidi: il primo è il risultato di una finta magistrale, il secondo è un mix di forza e tecnica. Cambiano gli interpreti al suo fianco, ma lui resta sempre pericoloso.

Il tabellino di Empoli-Juventus

EMPOLI (4-2-3-1):  Vicario; Stojanovic (84' Henderson), Luperto, Ismajli, Cacace (68' Parisi); Zurkowski, Asllani, Bandinelli (68' Benassi); Di Francesco (68' La Mantia), Bajrami (84' Verre); Pinamonti. Allenatore: Aurelio Andreazzoli.

JUVENTUS (4-4-2): Szczesny; Danilo, Bonucci, de Ligt, Pellegrini; Cuadrado. Zakaria (36' Locatelli), Arthur, Rabiot; Vlahovic, Kean (62' Morata). Allenatore: Massimiliano Allegri.

ARBITRO: Fabio Maresca di Napoli.

RETI: Kean (32'), Zurkowski (40'), Vlahovic (45+2'-66'), La Mantia (76').

AMMONIZIONI: Ismajili (50'), Parisi (73).


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit