Inter

Inter, dopo il sorpasso serve lo sprint: a inizio 2022 due mesi di fuoco (e verità)

Stefano Bertocchi
L'Inter festeggia la rete di Lautaro Martinez
L'Inter festeggia la rete di Lautaro Martinez / Nicolò Campo/GettyImages
facebooktwitterreddit

Se il (secondo) sorteggio di Nyon per gli ottavi di finale di Champions League non ha fatto sorridere l'Inter, le buone notizie sono invece arrivate nell'ultimo weekend di Serie A. Settimane fa, quando il distacco dalla vetta era di 7 punti (10 potenziali in caso di ko a San Siro contro il Napoli), in tanti vedevano il campionato della squadra di Simone Inzaghi come 'finito in anticipo', con solo la zona Champions a cui poter puntare e uno scontro scudetto che sembrava limitato al duello a due tra Milan e Napoli.

Alexis Sanchez, Simone Inzaghi
L'abbraccio tra Simone Inzaghi e Alexis Sanchez / Marco Luzzani/GettyImages

A distanza di qualche giornata, però, l'Inter campione d'Italia si è ripresa con forza la vetta della classifica. E l'ha fatto cambiando marcia, rosicchiando punti, giocando un gran bel calcio, andando in gol senza sosta e ritrovando il giusto equilibrio che gli sta permettendo di concedere sempre meno agli avversari. Come dimostrano i 4 clean sheet consecutivi nelle sfide contro Venezia, Spezia, Roma e Cagliari.

La differenza reti segna ora un importante +28, con 43 gol fatti e 15 subiti. Quello nerazzurro è il miglior attacco, mentre in difesa solo il Napoli ha incassato di meno (13 gol, Atalanta e Milan hanno invece una differenza reti di +17). Numeri che racchiudono un rilancio in classifica che deve però essere concretizzato nello sprint prima di Natale, a partire dalla prossima giornata: l'Inter giocherà a Salerno, ma in calendario ci sono anche Atalanta-Roma e Milan-Napoli. Una vittoria contro i granata permetterebbe un allungo almeno su una delle prime quattro in classifica.

Punti che sarebbero vitali in vista di un inizio 2022 di fuoco che attende l'Inter tra gennaio e febbraio: la Supercoppa italiana contro la Juventus, i big match di campionato contro Lazio, Atalanta, Napoli e Milan e la prima delle due sfide europee con il Liverpool. È in quei due mesi che il Biscione capirà davvero se potrà ancora ambire al tricolore e a tornare grande in Europa.


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit