Storie di calcio

L'incredibile Hulk: più di 20 trofei senza mai giocare nelle principali leghe europee

Francesco Castorani
Hulk
Hulk / Pedro Vilela/GettyImages
facebooktwitterreddit

Non ha mai giocato nelle principali leghe europee. Questo gli ha impedito di consacrarsi come uno dei più importanti calciatori moderni, ma comunque Hulk la sua personale storia l'ha scritta in diverse parti del mondo. Dal Portogallo al Brasile, passando per Russia, Cina e Giappone, unico paese in cui ha giocato (sorprendentemente in giovane età) senza riuscire a vincere trofei.

Oggi è in Brasile e veste la maglia dell'Atletico Mineiro, con cui ha un contratto fino al 2024. Nato a Campina Grande, è tornato nel paese che gli ha dato i natali e che lo ha lanciato nel mondo del calcio per una brevissima parentesi, e si è già tolto la soddisfazione di vincere.

La carriera

Appena professionista, si trasferisce in Giappone, dove impiega pochissimo a dominare. Nel 2005 si ambienta, nel 2006 segna 25 gol in JLeague 2 con l'Hokkaido Consadole Sapporo, nel 2007 si trasferisce al Tokyo Verdy dove segna 37 gol in campionato. È chiaramente pronto per la JLeague 1, in cui però resta pochissimo perché il Porto spende quasi 20 milioni per lui, nell'estate del 2008.

Con la maglia della storica squadra portoghese fa esplodere il suo talento e si presenta al mondo con il suo tiro mancino terrificante. Con i biancoblu vince 4 volte il Campionato, 3 la Coppa portoghese, 4 la Supercoppa e una volta l'Europa League. I club alla finestra per lui sono molti, ma la decisione del brasiliano è un'altra: lo Zenit San Pietroburgo a cui i portoghesi lo cedono per 40 milioni di euro.

Hulk con la maglia del Porto
Hulk con la maglia del Porto / MIGUEL RIOPA/GettyImages

Con il club russo chiude ogni stagione ad almeno 20 gol e va anche ogni volta in doppia cifra di assist. In tre anni vince un Campionato, una Coppa e una Supercoppa, ma non riesce mai a trascinare lo Zenit oltre i quarti di finale in Europa. A 30 anni arriva di nuovo il momento di cambiare: per 55 milioni di euro si trasferisce allo Shangai, in Cina.

Hulk
Hulk durante il periodo allo Zenit / Epsilon/GettyImages

Diventa presto una stella nel momento dorato del calcio cinese. Guadagna tanto e segna tantissimo anche in Cina, in cui impiega un paio d'anni, ma conclude la sua esperienza con un Campionato e una Supercoppa. Il ritorno in Brasile è per chiudere la carriera, ma con l'Atletico Mineiro ha già registrato numeri impressionanti, che verranno ricordati attraverso le vittorie di Campionato, Coppa e Supercoppa in un 2021 pazzesco.

Hulk
Hulk e l'esperienza in Cina / Masashi Hara/GettyImages

Con la maglia della Nazionale del Brasile vanta la vittoria della Confederations Cup nel 2013 e il quarto posto nella Coppa del Mondo del 2014. Non ha mai giocato nei Top 5 campionati europei, ma è senza dubbio il miglior giocatore del calcio moderno a non averlo fatto. La sua carriera non è ancora conclusa, ma se il ritiro dovesse avvenire domani, Hulk chiuderebbe con 22 trofei di squadra, a cui si aggiungono 9 individuali, più di 350 gol e quasi 200 assist. Numeri da supereroe.


Segui 90min su Twitch.

facebooktwitterreddit