Juventus

Il medico del PSG: "Messi, Neymar e Mbappé ispirati, non sarà facile per la Juve"

Giovanni Benvenuto
Kylian Mbappe, Lionel Messi
Kylian Mbappe, Lionel Messi / Xavier Laine/GettyImages
facebooktwitterreddit

E' ormai iniziato il conto alla rovescia per la sfida di Champions League tra Psg e Juventus. Alla vigilia del grande appuntamento tra le due squadre ha parlato il coordinatore dei progetti medici del club francese Cristiano Eirale. Tanti i temi toccati: dalla partenza di Angel Di Maria e Leandro Paredes, alla condizione della squadra per poi passare anche per il suo ruolo e le caratteristiche delle tre superstar dei parigini (Messi-Neymar-Mbappé). Ecco quanto affermato.

Sul ruolo: "Seguo il coordinamento di tutti gli staff medici delle varie squadre nei diversi settori. Il Psg è una polisportiva, quindi oltre al calcio (con le giovanili) ci occupiamo anche del calcio femminile, di pallamano e judo. Inoltre stiamo realizzando il progetto del nuovo, iperfuturistico centro di allenamento del club in zona Saint-Germain che sarà pronto nel 2023. Così come una modernissima clinica di medicina dello sport, sempre a Parigi", riporta Calciomercato.com

Sul Psg: "Questa è una stagione particolare con il Mondiale imminente, i cicli di tre partite ravvicinate sono già cominciati e metteranno a dura prova tutti. Il Psg ora sembra molto brillante, visto che procede a botte di 4-5 e 7 gol in campionato, a parte l’1-1 casalingo con il Monaco. I tre artisti in attacco sembrano ispirati, per la Juve non sarà il momento migliore in cui incontrarli".

Lionel Messi, Neymar da Silva, Kylian Mbappé
Lionel Messi, Neymar da Silva, Kylian Mbappé / Lionel Hahn/GettyImages

Sul tridente d'attacco Messi-Neymar-Mbappé: "Ognuno di loro è diverso dall’altro. Messi è il meno giovane, ma pur sempre uno dei più grandi calciatori di sempre e per poco che sia in forma, fa la differenza. È al secondo anno a Parigi, farà meglio di un anno fa dopo chenon aveva mai cambiato squadra. I piccoli dettagli contano anche per i grandi campioni. Neymar è il 10 del Brasile, Mbappé ha grandi numeri anche fisicamente e soprattutto ha grande maturità per la sua età. Questo lo rende unico".

Sulle partenze di Di Maria e Paredes: "Sono scelte tecniche di ogni allenatore, il Psg ha così tanti giocatori di qualità. Gli argentini della Juve al Mondiale andranno da favoriti. Di Maria è impressionante: è arrivato in Europa che aveva 18 anni, da allora ha giocato con i club più forti. Una carriera da ammirare, partendo dal Rosario Central".

Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit