Premier League

Il Manchester City ha incassato più di quanto ha speso

Francesco Castorani
Manchester City Victory Parade
Manchester City Victory Parade / Visionhaus/GettyImages
facebooktwitterreddit

Non era mai successo dall'avvento della nuova proprietà che il Manchester City incassasse più di quanto spendesse in una sessione di mercato. È la novità di questa estate bollente: i citizens di Pep Guardiola hanno il bilancio cessioni-acquisti in attivo. Il calciomercato chiaramente non è ancora concluso, ma potrebbe terminare con questa particolarità.

Gabriel Jesus, Raheem Sterling, Pedro Porro e Ko Itakura ceduti per un totale di 121 milioni di euro, ai quali vanno aggiunti i circa 35 milioni che la squadra di Manchester incasserà dall'Arsenal per Zinchenko. Più di 150 milioni nelle casse del City, che ne ha già però spesi più di un centinaio per portare all'Etihad Erling Haaland dal Borussia Dortmund (60) e Kalvin Phillips dal Leeds (circa 50).

Erling Haaland
Erling Haaland alla presentazione con il City / George Wood/GettyImages

Stefan Ortega è arrivato a zero dall'Arminia Bielefeld e Julian Alvarez è a bilancio della stagione appena conclusa. Il quinto rinforzo potrebbe arrivare sempre dalla Premier, proprio in sostituzione di Zinchenko. Sulla corsia sinistra attualmente gioca Joao Cancelo, ma l'interesse del City per Marc Cucurella del Brighton è reale.

Mark Cucurella
Mark Cucurella / Charlie Crowhurst/GettyImages

Tra i migliori della scorsa stagione in Premier League, la squadra dell'East Sussex ha fissato il prezzo dello spagnolo a 50 milioni di euro, cifra che ha frenato l'operazione in entrata. Il City si sta guardando intorno e, stando a quanto riportato dalla Bild, avrebbe messo gli occhi su Borna Sosa, terzino dello Stoccarda valutato circa la metà di Cucurella.

Borna Sosa, Maximilian Mittelstaedt
Borna Sosa in azione / Boris Streubel/GettyImages

Ad oggi il Manchester City è il club più prezioso al mondo, l'unico che supera il miliardo per valore di mercato (transfermarkt). Guardiola ha accresciuto negli anni il livello (e di conseguenza la valutazione) di molti dei suoi, prendendoli quando avevano già un determinato status e portandoli spesso al picco delle loro carriere. Una grande mano per il miglioramento della rosa gli è stata data dal mercato, ma il tecnico spagnolo si è dimostrato più che abile nel non svalutare la maggior parte dei suoi calciatori, vincendo e permettendo alla dirigenza cessioni onerose, anche a distanza di anni.

Con Cucurella il bilancio cessioni-acquisti in questione verrebbe più o meno pareggiato, con Borna Sosa il City avrebbe guadagnato dal calciomercato per la prima volta dalla stagione 2005-06, quella del trasferimento di Shaun Wright-Phillips per circa 30 milioni di euro al Chelsea. Tempi lontani, in cui il City non era decisamente considerato tra le Big Six. Il 2008 è la data che divide la storia del Manchester, club però potrebbe aver già raggiunto il picco per quanto riguarda la mole di denaro spesa in una singola sessione di mercato.

Nelle ultime tre sessioni Guardiola ha sempre ceduto giocatori per almeno 70 milioni di euro, e sono ben 4 stagioni che il City non arriva a spenderne 200. È cambiato anche il modus operandi di uno dei club più ricchi del pianeta?


Segui 90min su Twitch.

facebooktwitterreddit