Calcio estero

Il Barça perde sul campo e sugli spalti, Laporta: "Mi vergogno"

Francesco Castorani
FC Barcelona v Osasuna - La Liga Santander
FC Barcelona v Osasuna - La Liga Santander / Soccrates Images/GettyImages
facebooktwitterreddit

"Sono preoccupato perché ciò che è successo è una vergogna che non può passare ancora. Abbiamo informazioni sull'accaduto, ma c'è bisogno di tempo per esaminarlo. Intraprenderemo azioni perché è oltraggioso e vergognoso."

Joan Laporta, presidente Barcellona

Il Barcellona esce a testa bassa dall'Europa League nel peggiore dei modi. Al Camp Nou i tedeschi dell'Eintracht ne segnano tre, rendendo impossibile una rimonta blaugrana. L'undici di Xavi infatti si sveglia troppo tardi e accorcia le distanze quando ormai non c'è più tempo. Quella sul campo però è solo una delle sconfitte subite dal Barça ieri sera. La parte peggiore si è vista sugli spalti.

Un muro bianco formato da più di 20.000 tedeschi si è stagliato al Camp Nou rovinando l'ambiente di cui Xavi e giocatori avevano bisogno e regalando ai propri una notte storica e indimenticabile. Ma come è possibile che in una gara così delicata, uno scontro diretto con cui può decidersi una stagione, siano stati venduti così tanti biglietti agli ospiti?

Una domanda a cui Laporta in persona ha detto di voler rispondere e sulla quale anche Xavi si è interrogato nella conferenza post-match.

"È evidente che l'ambiente non ci ha aiutato. Sembrava una finale, con il campo diviso. Il club sta investigando. È chiaro che è stato un nostro errore di calcolo."

Xavi, allenatore Barcellona

Errore di calcolo da cui Xavi separa la brutta prestazione messa in campo dai suoi che sono stati in grado di tenere il controllo del gioco, ma non di far male all'organizzata difesa dell'Eintracht. Viceversa sono incappati proprio negli errori su cui era stata preparata la partita subendo una rete a causa di una transizione ospite dopo una palla persa nella propria metà campo.

Il tecnico blaugrana allontana la parola fracaso e si riferisce alla gara come parte del processo messo in atto dal suo arrivo. "Voglio pensare che faccia parte del processo. È evidente che siamo delusi. Dobbiamo restere con i piedi per terra e continuare a crederci. Credo sia il cammino giusto e non bisogna pensare a un fallimento".

Difficile non farlo perché il Barça era senza dubbio la favorita alla vittoria finale e uscire ai quarti subendo tre reti in casa resta un fallimento, al di là del processo di cambiamento che una squadra può attraversare. Certo è che l'ambiente creatosi sugli spalti non ha aiutato ed è giunto al punto dei fischi per i giocatori blaugrana durante il riscaldamento.

"È deludente. Abbiamo parlato con i giocatori e speravamo che il pubblico stesse lí. Ringraziamo quelli che sono venuti. La partita sembrava una finale, con la metà dei biglietti per loro e la metà per noi. Era un giorno in cui avevamo bisogno di un ambiente particolare e mi è sembrato frustrante."

Xavi, allenatore Barcellona

Segui 90min su Twitch.

facebooktwitterreddit