Milan

Chi è Botman, il gigante olandese del Lille che piace al Milan

Alessio Eremita
Sven Botman
Sven Botman / Catherine Steenkeste/GettyImages
facebooktwitterreddit

Quello di Sven Botman è uno dei nomi più chiacchierati in casa Milan. Il gigante olandese, campione della Ligue 1 con il Lille e perno della Nazionale olandese Under 21, è il prescelto per sostituire l'infortunato Simon Kjaer: nei giorni scorsi la dirigenza rossonera ha intensificato i contatti con il club francese per strappare un accordo entro Natale.

La proposta riguarda il prestito di sei mesi con diritto di riscatto, che diventerebbe obbligo a determinate condizioni. La base economica di partenza, invece, si aggira sui 20 milioni di euro. Per quale motivo, però, il Milan ha deciso di scartare ogni alternativa e puntare sul classe 2000?

Sven Botman, Daniel Van Kaam
Sven Botman, Daniel Van Kaam / BSR Agency/GettyImages

Innanzitutto per la crescita esponenziale mostrata nelle recenti stagioni e i margini di miglioramento che può garantire. Si tratterebbe così di un investimento per il presente e per il futuro, in ottica plusvalenza. E poi per la duttilità difensiva, perché Botman può giocare anche sul centrodestra pur essendo mancino naturale. Formatosi nella prestigiosa accademia dell'Ajax e transitato anche tra le file dell'Heerenveen, nel 2020 è stato acquistato dal Lille per 8 milioni di euro. Alla sua prima stagione in Francia ha collezionato 37 presenze ufficiali e il titolo nazionale, allertando l'attenzione del commissario tecnico Louis van Gaal.

Esemplare anche la vita fuori dal campo: lontano dagli eccessi, Botman ama i kart e si mantiene in forma con una consueta attività fisica (così si spiega anche la sua struttura imponente). Dopo essersi tolto grandi soddisfazioni già a 21 anni, Botman coltiva due sogni: seguire le orme di Stefan de Vrij e Matthijs de Ligt, ma anche approdare in Premier League o Serie A. La sua occasione potrebbe essere lì, dietro l'angolo. Con il Milan che aspetta.


Segui 90min su Twitch.

facebooktwitterreddit