Icardi: "Il PSG ha investito nella Champions, attenzione all'Atalanta. Neymar un esempio"

Jean Catuffe/Getty Images

Mauro Icardi ha concluso in anticipo il primo campionato di Ligue 1 con la maglia del Paris Saint-Germain (a causa dell'emergenza Coronavirus) e si appresta a vivere l'intenso quarto di finale di Champions League contro l'Atalanta. Il bomber argentino, riscattato dal club parigino nei mesi scorsi, ha tracciato un primo bilancio della sua nuova esperienza calcistica ai microfoni di France Football.

NEYMAR - "Le persone possono vederlo diversamente dall'esterno, ma la realtà è completamente diversa. Sappiamo benissimo che tipo di giocatore è Neymar. E quando conosci davvero l'uomo, puoi andare solo d'accordo con lui solo perché è qualcuno che è lontano dalle storie riportate dai media. È un compagno di squadra che non esita a dire le cose in faccia, per assicurarsi che gli altri si sentano bene. È questo stato mentale di cui abbiamo bisogno. I grandi giocatori sono i primi a dare l'esempio".

MBAPPÈ - "Tutto ciò che ho appena detto su Neymar si applica anche a Mbappé. È un ragazzo ancora giovane ma ha già ottenuto grandi risultati. È estremamente maturo per la sua età. Il suo comportamento contribuisce anche alla buona atmosfera che c'è all'interno del gruppo".

Kylian Mbappe, Neymar Jr, Mauro Icardi
Jean Catuffe/Getty Images

GOL - "Non guardo mai le statistiche. C'è solo una cosa che mi interessa, ovvero segnare quando mi arriva il pallone. Se tocco la palla molto o poco, non mi interessa. Frustrante? No, a volte tocco pochi palloni e gioco bene. Anche in Italia per me era così, ero già abituato: sapevo che ad un certo punto un'opportunità per segnare l'avrei avuta. Quindi cerco di rimanere concentrato, qualunque cosa accada. È lo stesso ovunque, lo sento da quando ho iniziato a giocare. Questo è il mio modo vedere il calcio. Finora mi è andata discretamente, quindi non cambierò di certo adesso".

CHAMPIONS LEAGUE - "Mi sono reso conto il giorno del sorteggio che dalla nostra parte del tabellone ci sono squadre che non hanno mai vinto il trofeo, mentre dall'altra parte, ci sono praticamente solo vecchi vincitori. Si sono ritrovate tutte insieme. Ma attenzione, perché le squadre nella nostra parte del tabellone hanno tutte la nostra stessa ambizione, vale a dire vincere finalmente questo titolo e cambiare il corso della storia. Negli ultimi anni la squadra ha fallito in Champions League e siamo tutti molto decisi a cambiare il corso degli eventi. L'obiettivo del club è quello di raggiungere la finale, e se Dio vuole poter finalmente sollevare questo trofeo, perché questo è il motivo per cui il club ha investito negli ultimi anni. Mancano solo tre partite per raggiungere l'obiettivo e insieme faremo di tutto per ribaltare la storia dopo gli episodi con Barcellona e Manchester United". 

ALLENATORE TUCHEL - "In un certo senso mi ha dato le chiavi del Psg, se così posso dire, dandomi immediatamente una possibilità. Entrambi parliamo molto. Mi dice come vede le cose, mi dà molti consigli per migliorare me stesso. Abbiamo un'ottima relazione".

Segui 90min su FacebookInstagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Serie A!