Euro 2020

Presentazione I Nostri 21: Alexander Isak

Andrea Gigante
I Nostri 21: Alexander Isak
I Nostri 21: Alexander Isak / 90min
facebooktwitterreddit

Cosa facevi quando avevi 17 anni?

Se sei come noi, avrai trascorso molti dei tuoi weekend svolgendo un lavoro da schifo per guadagnare qualche spicciolo, mentre ogni tanto facevi qualche capatina a scuola durante la settimana.

Alexander Isak stava firmando per il Borussia Dortmund e aveva già segnato il suo primo gol in una competizione internazionale... a 17 anni!

Ora ne ha 21, gioca nella Real Sociedad e con 17 gol in 34 partite in questa stagione, ha attirato su di sé gli sguardi di diversi ammiratori.

Dunque, chi è questo giocatore il cui nome è stato affiancato a Real Madrid e Barcellona? Ecco tutto quello che devi sapere su di lui...

Come si è comportato in questa stagione

Brillantemente

Il nazionale svedese ha faticato a trovare spazio nel Dortmund in un'età così giovane e nel 2019 è stato spedito alla Real Sociedad.

Dopo una prima stagione sufficiente in cui ha siglato 9 reti in 37 partite di campionato, il giovane ha premuto il piede sull'acceleratore nel suo secondo anno con la Sociedad, segnando in media un gol ogni 2 gare e raggiungendo quota 17 gol nella Liga 2020/21 (sesto in classifica marcatori).

La sua posizione preferita

Isak è un vero e proprio attaccante, anche se uno dei suoi maggiori pregi è la capacità di saper fare un po' di tutto.

Con 1.90m di altezza può giocare come riferimento per il gioco aereo, ma ha anche l'abilità tecnica di mantenere la palla quando gli viene servita sui piedi.

Sebbene sia un punto d'appoggio affidabile per l'attacco, la vera forza di Isak sta nella sua capacità di correre su ogni pallone, diventando così il giocatore ideale per quelle squadre che giocano in contropiede.

A chi somiglia calcisticamente?

A chi può essere paragonato un attaccante svedese? Qualche idea?

Ovviamente a Zlatan Ibrahimovic.

Isak ha tutte le caratteristiche su cui la stessa stella del Milan ha costruito la sua carriera, inclusa la qualità nel tocco e la bravura nel gioco palla a terra. Non stiamo dicendo che è bravo quanto lui già adesso, ma solo che hanno uno stile di gioco davvero simile.

D'altronde, chi non aspira a essere come Zlatan?

Cosa dicono i compagni di lui

"Ci sono molti giovani talentuosi, ma solitamente hanno bisogno di tempo prima di imparare a connettersi con gli altri e giocare come una squadra. Isak aveva solo 16 anni, ma giocava come uno di 26. Era veramente notevole." (Nils-Eric Johansson, ex compagno di squadra all'AIK)

"Ha un grande talento, un enorme potenziale. Può davvero diventare il nuovo Zlatan Ibrahimovic". (Chinedu Obasi, ex compagno di squadra all'AIK)

Valore e potenziale su FIFA 21

Quando inizi la tua carriera su FIFA 21, Isak ha già un bel valore di 78, anche se un potenziale rating di 86 con 4 stelle di skill, lo rendono veramente un grande acquisto.

Valore su Football Manager

Tutti amano i 'wonderkids' su Football Manager e Isak è proprio uno di loro.

Le statistiche fisiche del giovane, tra cui l'accelerazione, il ritmo e la portata dei salti, sono già di quel dolce, dolcissimo colore verde che noi nerd di FM amiamo vedere, e con un costo di soli 9 milioni di euro difficilmente ti lascerà in bancarotta se proverai a portarlo via dalla Real Sociedad.

Che scarpe indosserà a Euro 2020

Isak è sponsorizzato dall'Adidas e ha solitamente indossato le Nemeziz 19.1 del gigante delle calzature, quindi probabilmente ne indosserà un paio simile in occasione delle fasi finali dell'Europeo di quest'estate.

Quanto sarà impiegato a Euro 2020

Isak giocherà indubbiamente un ruolo importante nei piani di Janne Andersson per Euro 2020.

Nel 2017 è stato lo stesso Andersson a permettere al giovane di debuttare in Nazionale maggiore e ora ha raggiunto l'impressionante numero di 20 presenze.

Con il talismano Ibrahimovic escluso per infortunio, la Svezia avrà bisogno di un punto di riferimento in attacco e Isak rappresenta l'opzione migliore.

Certamente, gli svedesi non hanno un gruppo semplice, ma hanno fiducia nella loro possibilità di superare un girone formato da Spagna, Polonia e Slovacchia, e Isak sarà sicuramente la chiave dei loro sforzi.

facebooktwitterreddit