Serie A

Gravina: "Serie A in anticipo? Da ripetere. Governo appoggi Italia 2032"

Andrea Gigante
Gabriele Gravina
Gabriele Gravina / Antonio Masiello/GettyImages
facebooktwitterreddit

Da un paio di settimane è ripartita la Serie A e per la prima volta il nostro campionato si ritrova a gestire un Mondiale autunnale. Per consentire lo svolgimento di Qatar 2022, le principali leghe europee sono cominciate in netto anticipo rispetto al solito, ma questo secondo Gabriele Gravina non ha sorbito effetti indesiderati. Anzi, secondo il Presidente della FIGC, ha generato grande entusiasmo nei tifosi. Nell'intervista rilasciata ai microfoni di Radio Anch’io Sport (programma che va in onda su Radio 1), Gravina non ha parlato solo della Serie A, ma ha anche espresso la sua opinione sulla Nazionale di Roberto Mancini e sugli obiettivi futuri del movimento calcistico italiano.

Sull'inizio anticipato della Serie A:
"C’era un po’ di scetticismo alla vigilia di questo campionato, ma le preoccupazioni per temperatura, anticipi e preparazioni sono state spazzate via per una certezza: il campionato è partito con grandissimo seguito dei tifosi e nelle migliori condizioni possibili. Credo che questo sia da ripetere nella prossima stagione. Questo dipende dalla Lega di Serie".

L'entusiasmo dei tifosi:
"Stiamo riscoprendo la voglia di calcio. Tanta gente è presente all’interno degli stadi, con entusiasmo e consapevolezza delle nostre società di offrire un prodotto diverso. L’inizio evidenzia che tutto si sta delineando con la formazione di tre blocchi di classifica che sta generando grande interesse nei campionati di A e B. E anche la Serie C, quando inizierà, sarà avvincente"

Gabriele Gravina, Roberto Mancini
Gabriele Gravina, Roberto Mancini / Claudio Villa/GettyImages

Cosa farà la Nazionale prima di Qatar 2022?
"C’è in previsione per la Nazionale il progetto di rivedersi per 10 giorni. E per questo ringrazio la Lega di A per avere messo a disposizione i calciatori per quei dieci giorni prima dell’inaugurazione del Mondiale. Mancini potrà contare su tanti giovani per mettere su la migliore squadra possibile e cominciare una nuova fase di preparazione. Sono previste in questi dieci giorni due amichevoli. Avremo una riunione tecnica in settimana per capire i desiderata del nostro staff tecnico. Molto probabilmente una amichevole sarà a Tirana con l’Albania. Poi potrebbe esserci una sorta di mini ritiro di preparazione nei paesi arabi o continuare la nostra preparazione qui in Italia".

Su Italia 2032:
"È auspicabile che il prossimo Governo appoggerà la candidatura a Italia 2032. La candidatura dell’Italia era un impegno del governo Draghi e si ispirava a un senso di responsabilità per un progetto di rilancio e di ristrutturazione degli impianti. E questo credo non possa che far bene all’economia e al calcio del nostro Paese".


Guarda l'ultimo episodio de "Il Corner" sul canale YouTube di 90min Italia.

facebooktwitterreddit