Serie A

Gravina: "Chiesto il rinvio della 30ª giornata per aiutare l'Italia ai playoff"

Andrea Gigante
Gabriele Gravina
Gabriele Gravina / Vincenzo Lombardo/GettyImages
facebooktwitterreddit

Stamattina, Gabriele Gravina ha rilasciato una breve intervista a 'Radio anch'io lo sport', programma in onda sulla Rai.

Il numero uno della FIGC ha parlato del rapporto con la Lega Serie A, escludendo ogni problema all'interno del calcio italiano. Dopodiché gli è stato chiesto un parere sulla capienza massima consentita all'interno degli stadi. Infine, Gravina ha rivelato di aver chiesto il rinvio della 30ª giornata di campionato per dare più tempo alla Nazionale di preparare i playoff per il Mondiale.

Andiamo a leggere le sue parole.

Roberto Mancini, Gabriele Gravina
Mancini e Gravina / Paolo Bruno/GettyImages

Ci sono attriti all'interno della governance del calcio italiano?
"Non c'è nessuno scontro tra Lega e Figc sono in gioco piuttosto due visioni contrapposte del presente e del futuro del calcio, io sono per la modernizzazione e le riforme altri sono per l'immobilismo e il conservatorismo come nel caso delle multiproprietà. Sui principi informatori abbiamo agito con rispetto abbiamo cercato di discutere per individuare tutte le soluzioni per non fare implodere un già fragile equilibrio nell'assemblea di Lega di Serie A. Mi spiace quando si parla di riforma e futuro e poi si creano ostacoli e blocchi per applicare principi di democrazia".

Sulla capienza consentita degli stadi:
"Tornare al 75% della capienza degli impianti è già un passo in avanti, ma non soddisfa. Mi auguro che già a fine mese, vista l'involuzione della pandemia, si possa passare al 100%: sarebbe un ulteriore segnale di speranza per il nostro Paese" riporta il Corriere dello Sport.

Sulla possibilità di rinviare la 30ª giornata di Serie A, in programma il 20 marzo:
"Sarebbe un' altra brutta pagina se l'Italia non si qualificasse per quello che rappresenta il calcio nel nostro Paese. Noi dobbiamo qualificarci, abbiamo le condizioni per poterlo fare, ci siamo complicati la vita sbagliando due rigori importantissimi. L'Italia nei momenti di difficoltà reagisce. Il progetto Nazionale è vivo, non si esaurisce con vittoria Europei o una eventuale, speriamo di no, non partecipazione ai Mondiali".


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit