Serie A

I gol più belli della 25ª giornata di Serie A

Andrea Gigante
Ruslan Malinovskyi
Ruslan Malinovskyi / Emilio Andreoli/GettyImages
facebooktwitterreddit

Gli amanti della Serie A si sono divertiti grazie a un altro entusiasmante weekend di calcio.

La 25ª giornata ci ha regalato 26 reti e noi abbiamo scelto le 6 che meritano di essere ricordate per un po' di tempo.

Scopriamo insieme i gesti tecnici memorabili dell'ultimo turno, le reti che ci resteranno in mente.

1. Ruslan Malinovskyi vs Juventus

Entro, spacco, ciao.

È con queste semplici parole che si potrebbe riassumere la prestazione di Ruslan Malinovskyi contro la Juventus. L'ucraino, subentrato a gara in corso, si è infatti reso autore di una rete sensazionale, trovando la rete da circa 35 metri.

Tutti, difesa bianconera compresa, pensavano che il centrocampista cercasse il cross, ma dopo essersi fatto aggiustare il pallone non ha esitato a tirare una bomba da casa sua.

2. Rafael Leao vs Sampdoria

La vittoria sulla Sampdoria non è servita al Milan soltanto per prendersi il primato in classifica, ma anche per sfoggiare uno dei gol più belli della stagione.

Tutto parte da uno splendido rilancio di Maignan che serve in maniera millimetrica Rafael Leao. Sulla corsia di sinistra, il portoghese è però isolato. Anziché arretrare per servire un compagno, decide di mettersi in proprio e semina Bereszynski con uno scatto repentino. Una volta in area, batte Falcone con un tiro imparabile.

Un passaggio, un dribbling: gol. Il calcio è uno sport semplice.

3. Adrien Tameze vs Udinese

Adrien Tameze non è esattamente un goleador ma stavolta ci ha regalato una rete di pregevole fattura.

A prescindere dalla gran botta all'incrocio dei pali da posizione defilata, quello che rende questo gol un gran gol è l'azione sviluppatasi sulla destra. Barak è infatti solo sulla linea laterale, ma è bravo a servire Faraoni che a sua volta scarica su Praszelik. A quel punto il pallone arriva al centrocampista francese che con la sua forza fisica riesce a tener botta e ad avvicinarsi alla porta.

La rete che ha calato il poker al Bentegodi vale il prezzo del biglietto.

4. Edin Dzeko vs Napoli

I campioni sono quei giocatori capaci di fare la differenza anche in una giornata no.

Contro il Napoli, Edin Dzeko si era visto ben poco eppure è stato proprio lui a segnare la rete che ha regalato un pareggio d'oro all'Inter.

I nerazzurri hanno imbastito la solita azione: il centrocampista serve la punta che allarga di prima sull'esterno. La palla arriva poi in area e, dopo un flipper confuso, finisce sui piedi del Cigno di Sarajevo che da posizione defilatissima insacca alle spalle di Ospina.

5. Ridgeciano Haps vs Torino

La conclusione in sé non è da far uscire gli occhi dalle orbite, ma l'azione che ha portato alla rete di Ridgeciano Haps merita di essere esaltata.

Venezia e Torino sono infatti ferme sull'1-1, un risultato che non sarebbe servito a nessuno, quando i lagunari ripartono in contropiede.

In posizione centrale, Henry è bravo a smistare per Crnigoj che arriva a tutta velocità sulla fascia destra. Arrivato sul fondo, il centrocampista serve al compagno un cioccolatino che va solo messo in porta.

6. Sofyan Amrabat vs Spezia

Qualche minuto prima, Sofyan Amrabat aveva commesso un grossolano errore che aveva portato al pareggio dello Spezia.

Sarebbe stata una beffa, visto che la Fiorentina aveva disputato una gran prova. Il marocchino ha deciso però di farsi perdonare e, dopo aver ricevuto palla da Cabral ed essersela leggermente aggiustata, ha fatto partire un tiro forte e rasoterra sul quale Provedel non ha potuto davvero farci niente.


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit