Gli allenatori italiani che non hanno mai fatto il salto di qualità in una big

Francesco Guidolin
Athena Pictures/Getty Images

Da Francesco Guidolin e Cesare Prandelli a Marco Giampaolo, Luigi Delneri e Gian Piero Gasperini. Questi sono solo alcuni degli allenatori italiani che non hanno mai compiuto il salto di qualità e affermarsi in una big del calcio europeo. Un po' per vicissitudini societarie, un po' per errori tecnici e individuali. Con qualche rara eccezione.

Francesco Guidolin

Swansea City v Manchester City - Premier League
Athena Pictures/Getty Images

A proposito di rare eccezioni. Francesco Guidolin ha mostrato grandi qualità nel corso della sua carriera da allenatore, ma ha sempre rifiutato di vivere con forte stress la vita professionale. Motivo per cui ha declinato offerte interessanti da molte big italiane.

Cesare Prandelli

Cesare Prandelli
Marco Luzzani/Getty Images

Il nome di Cesare Prandelli è legato indissolubilmente alla Fiorentina, sulla cui panchina è rimasto dal 2005 al 2010, e alla nazionale italiana. Il salto di qualità è avvenuto più volte, se pensiamo anche alla breve esperienza alla Roma, al Galatasaray e al Valencia, ma le brutte sorprese sono sempre state dietro l'angolo.

Marco Giampaolo

Marco Giampaolo
Emilio Andreoli/Getty Images

Triennio d'oro alla Sampdoria, nonostante un curriculum ricco di esoneri, ha garantito a Marco Giampaolo la chiamata di una big che stava per avviare un nuovo corso. Serviva un tecnico capace di valorizzare una rosa non troppo competitiva, ma l'esperimento è fallito: il club rossonero non ha digerito la mentalità ristretta dell'ex tecnico blucerchiato, che ha mantenuto le sue teorie malgrado i risultati scadenti che lo hanno trascinato all'addio anticipato.

Luigi Delneri

Luigi Delneri
Dino Panato/Getty Images

Il declino di Luigi Delneri inizia nella stagione 2010/11 con il passaggio dalla Sampdoria alla Juventus. Il tecnico non ha saputo resistere al corteggiamento della Vecchia Signora, rifiutando di disputare la Champions League con i blucerchiati dopo una stagione straordinaria. Il rimpianto è tanto: l'esonero dalla Juve segna la discesa di un allenatore che avrebbe potuto dimostrare ancora molto.

Gian Piero Gasperini

Gian Piero Gasperini
Emilio Andreoli/Getty Images

Gian Piero Gasperini ha vissuto una carriera in crescendo, con una battuta d'arresto momentanea nel 2011 alla guida dell'Inter. I nerazzurri non erano più quelli del Triplete, ma le aspettative sì: circa dieci anni fa, l'attuale allenatore dell'Atalanta non ha saputo reggere le pressioni di una piazza ancora esigente.

Segui 90min su FacebookInstagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Serie A!