Milan

Giroud: "Il Milan nel mio destino. Maldini? Serviva uno come lui"

Stefano Oriolo
Olivier Giroud
Olivier Giroud / Marco Canoniero/GettyImages
facebooktwitterreddit

Le origini italiane, il mancato trasferimento all'Inter e il suo arrivo nella Milano rossonera, in un intervista rilasciata a L'Equipe, Olivier Giroud ripercorre il suo rapporto con l'Italia fino ad arrivare all'approdo al Milan, definito da lui stesso "la ciliegina sulla torta" della sua carriera.
E pure, l'Italia ha sempre occupato un posto speciale nella vita di Giroud, francese di nascita ma con origini italiane, precisamente venete e bergamasche visto che le due nonne erano proprio italiane.

Un rapporto speciale omaggiato proprio dal suo arrivo in rossonero e nel quale l'attaccante francese si immedesimò fin da piccola, e a proposito racconta come "A 20 anni mi sono fatto crescere i capelli perché volevo assomigliare a Cannavaro o a Nesta. E mio fratello mi regalò una maglia dell'Italia, quella molto aderente, di un azzurro magnifico. Nel 1994, visto che la Francia non era qualificata, tifavo per l'Italia al Mondiale, e piansi quando Baggio sbagliò il rigore in finale - sottolineando però come- nel 2006 ero al 100% tifoso della Francia''.

Olivier Giroud
SS Lazio v AC Milan - Serie A / Giuseppe Bellini/GettyImages

Un destino legato all'Italia quello di Giroud che già in passato era stato vicino all'Inter e che dopo l'avventura con il Chelsea in Premier League si è realizzato definitivamente "Dopo la Premier League non mi vedevo né in Spagna né in Germania e tornare in Francia non era la mia priorità. Il Milan -la sua squadra italiana preferita- è stata la ciliegina sulla torta. il Milan trasmetteva anche un certo stile all'italiana, con giocatori sempre ben pettinati, ben vestiti, rigorosi e professionali, come Maldini e Costacurta, senza dimenticare tutti gli altri giocatori d'eccezione”.

Olivier Giroud
SS Lazio v AC Milan - Serie A / Danilo Di Giovanni/GettyImages

Soffermandosi sull'ambiente Milan, il numero 9 rossonero mette in risalto l'importanza di una figura all'interno della società, quella di Paolo Maldini "Mancava qualcuno che appartenesse al club. Maldini è molto presente, ogni giorno per seguire il lavoro di Pioli. Anche così si capisce l'importanza dell'istituzione: nulla è lasciato al caso. E nessuno può lamentarsi di non giocare perché magari è l'allenatore che non vuole, perché poi c'è il direttore tecnico che segue tutto. E per me è una cosa eccellente, mi spinge a dare il 100% anche in allenamento", non mancano poi i paragoni tra Pioli e Girard, tecnico del francese ai tempi del Montpellier, squadra con la quale ha vinto il suo unico campionato nel 2012.

Olivier Giroud
SS Lazio v AC Milan - Serie A / Silvia Lore/GettyImages

Il francese ormai si è ambientato definitivamente in Italia "Qui ci sono ritmi più tranquilli rispetto a Londra o Parigi" , un aspetto che Giroud ama, perchè proprio come gli ricordava la sua nonna italiana "chi va piano va sano e lontano”.
Intanto dopo 10 anni dal suo primo ed unico scudetto Olivier "l'italiano" ha finalmente la possibilità di ripetersi, proprio qui, nel Paese che fa parte del suo destino da sempre.


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit