Serie A

Un Genoa aggressivo lascia l'Inter a digiuno: niente aggancio in vetta, 0-0 a Marassi

Delusione nerazzurra
Delusione nerazzurra / Getty Images/GettyImages
facebooktwitterreddit

Nuova opportunità per l'Inter nell'ottica di approfittare di un potenziale assist del Milan, fermato dall'Udinese sull'1-1, e di trovare così l'aggancio ai rossoneri in vetta alla classifica (con una partita da recuperare, a Bologna).

Dall'altra parte c'è un Genoa a caccia di punti preziosi in ottica salvezza, Genoa a immagine e somiglianza di Blessin e in grado di disputare un primo tempo coraggioso. Occasioni in avvio per i nerazzurri, in particolare Calhanoglu al 6' sfiora il gol dopo un bello scambio Dzeko-Barella, i rossoblù però non restano a guardare: Gudmonsson s'infila tra Bastoni e Perisic, mandando però a lato, mentre Melegoni fa partire un tiro dalla parabola poco leggibile ma Handanovic se la cava.

FBL-ITA-SERIE A-GENOA-INTERMILAN
Dzeko e Maksimovic / VINCENZO PINTO/GettyImages

Sul finire del primo tempo l'Inter avanza il raggio d'azione ma non trova occasioni nitide, pur tenendo in mano il pallino del gioco. In avvio di ripresa ci prova Dumfries, con uno dei suoi inserimenti sul secondo palo, ma è impreciso così come Barella col suo tentativo da fuori.

Momento difficile per il Genoa, costretto a rinunciare a Maksimovic e poi al suo sostituto Cambiaso, entrambi per infortunio. D'Ambrosio sfiora il gol su corner, colpo di testa sul primo palo e traversa piena per il difensore. Lampo rossoblù nel finale, esterno potente di Sturaro ma pallone che vola alto sulla traversa. I cambi di Inzaghi funzionano, Vidal dà dinamismo e Lautaro è pericoloso, ma il risultato resta sullo 0-0 nonostante un epilogo col coltello tra i denti.

La chiave tattica di Genoa-Inter

Possesso palla in mano all'Inter fin da subito, il Genoa risponde però con compattezza e coraggio, pressando i nerazzurri già sulla loro trequarti con aggressività, in pieno stile Blessin, e chiudendo le linee di passaggio quando gli uomini di Inzaghi partono dal basso.

I rossoblù arrivano spesso in anticipo e vincono tanti duelli a metà campo soprattutto nei primi venti minuti, con l'Inter che riesce poi ad avanzare il baricentro nella seconda parte del primo tempo. Nella ripresa le defezioni difensive del Genoa tolgono sicurezza al reparto arretrato, la pressione nerazzurra sale e si fa più continua (con connessa collezione di corner) mentre i rossoblù si affidano al contropiede, provando a sfruttare la rapidità di Kallon.

FBL-ITA-SERIE A-GENOA-INTERMILAN
Occasione per D'Ambrosio / VINCENZO PINTO/GettyImages

L'episodio della partita

In avvio di ripresa l'Inter dà l'impressione di poter partire all'assalto, dopo un primo tempo ostico e ricco di rischi. Le speranze nerazzurre s'infrangono però sulla traversa: D'Ambrosio beffa i centrali rossoblù sugli sviluppi di un corner, la prende di testa ma fa tremare il legno. Si tratta dell'occasione più nitida per i nerazzurri, del rimpianto principale della trasferta di Marassi. Da segnalare anche la grande chiusura di un ottimo Ostigard su Lautaro all'ultimo minuto, sul tiro a botta sicura dell'argentino.

Il migliore in campo - Edin Dzeko

Può apparire un paradosso, considerato lo zero alla casella dei gol fatti dall'Inter, ma Dzeko riesce a fare da riferimento offensivo per i suoi, toccando tanti palloni e dando qualità alla manovra nerazzurra grazie a sponde illuminanti. Rientra con frequenza e con efficacia, talvolta predica nel deserto.

FBL-ITA-SERIE A-GENOA-INTERMILAN
Edin Dzeko / VINCENZO PINTO/GettyImages

Il tabellino di Genoa-Inter 0-0

GENOA (4-2-3-1): Sirigu; Hefti, Maksimovic (52′ Cambiaso, 60′ Calafiori), Ostigard, Vasquez; Sturaro, Badelj; Gudmundsson (83′ Amiri), Melegoni, Portanova (83′ Rovella); Yeboah (60′ Kallon). All. Blessin.

INTER (3-5-2): Handanovic; D’Ambrioso (87' Caicedo), De Vrij, Bastoni; Dumfries, Barella (83′ Vecino), Brozovic, Calhanoglu (73′ Vidal), Perisic (83′ Dimarco); Dzeko, Sanchez (73′ Lautaro). All. Inzaghi.

AMMONITI: Perisic, Ostigard.

ARBITRO: Chiffi.


Segui 90min su Twitch.

facebooktwitterreddit