PSG

Galtier: "Allegri ha la malizia degli italiani. La Juve è difficile da gestire"

La redazione di 90min
Galtier
Galtier / FRANCK FIFE/GettyImages
facebooktwitterreddit

La Juventus, reduce dal pareggio di Firenze in campionato, si prepara al debutto in Champions League contro il Paris Saint Germain di Christophe Galtier, un esordio tutt'altro che morbido che Allegri ha già indicato nei giorni scorsi come proibitivo sulla carta. Il tecnico del PSG ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sfida, queste le sue parole:

Lionel Messi, Neymar Jr., Christophe Galtier, Kylian Mbappe
Galtier e le stelle del PSG / Koji Watanabe/GettyImages

"Ho notato dopo la nostra vittoria a Nantes che rapidamente i giocatori si sono concentrati su domani. E' una partita che non vediamo l'ora di giocare, è la prima volta che vedo tutti subito così concentrati, collettivamente e a livello individuali. Si sono preparati tutti bene. C'è voglia di iniziare questa Champions contro questa squadra".

Sul ruolo di favoriti: "Sarebbe riduttivo dire questo anche nei confronti delle concorrenti. Ogni anno ci sono 8-9 squadre che possono vincere, tra queste ci sono squadre favorite ma che non arrivano in fondo. Come gli anni scorsi ci sono sorprese, scenari impensabili. Il club vuole vincere, ma non siamo i favoriti".

Sulle qualità della Juve: "E' una squadra con molta esperienza, un allenatore che conosce bene la competizione. Una squadra difficile da battere, si dice sia in difficoltà, ma è difficile da gestire, creare occasioni e battere l'intensità di questi giocatori. La Juve è molto forte sulle transizioni, con giocatori forti, che vanno in profondità, hanno qualità. Anche Vlahovic è forte in questo" riporta IlBianconero.

Sulle parole di Allegri: "Allegri è un uomo molto esperto, molto più di me, ha la malizia che caratterizza gli allenatori italiani, che rispetto moltissimo".

Sulle pressioni: "Pressione in più in questa competizione no, l'ho accettata quando ho accettato questo incarico. Ho voglia di giocarmela".

Donnarumma titolare? "Sì, è lui. La gerarchia è così, attualmente. Sono contento delle sue performance, lavora molto. Sono contento di quello che dà alla squadra".

Su Di Maria out: "E' un peccato che non ci sia qui al Parco dei Principi, ha scritto pagine per questo club. Non posso essere felice per il suo infortunio. Ovviamente quando è presente porta esperienza, qualità, ma sono convinto che il giocatore che lo sostituirà sarà di altissimo livello".

facebooktwitterreddit