Serie A

Gabriele Gravina rieletto Presidente della FIGC: "Pronto per il secondo tempo"

Mattia Gruppioni
Gabriele Gravina
Gabriele Gravina / Marco Rosi/Getty Images
facebooktwitterreddit

Gabriele Gravina è stato nuovamente eletto come Presidente della FIGC: l'elezione è arrivata al primo scrutinio, in seguito all'assemblea presieduta dall'ex Presidente Federale Franco Carraro ed ha visto trionfare Gravina con ben 369,84 voti (73,45% delle preferenze) contro i 132,17 (26,25%) di Cosimo Sibilia, numero uno della Lega Dilettanti.

In seguito alla vittoria, il Presidente della Federcalcio Italiana si è così espresso: "Ho fin qui partecipato con impegno e passione. Adesso dovranno tramutarsi in forza e determinazione, perché il nostro movimento ha sofferto la pandemia sul piano umano e sociale"

Gabriele Gravina, durante l'assemblea elettiva del Presidente FIGC
Gabriele Gravina, durante l'assemblea elettiva del Presidente FIGC / Marco Rosi/Getty Images

Potrà così iniziare a giocare ‘La Partita per il futuro’, titolo della nuova piattaforma programmatica presentata con la candidatura sottoscritta da Lega Serie A, Lega Serie B, Lega Pro, AIC e AIAC. Rimarrà inoltre in carica fino al 2024, affermando come "Il secondo tempo della nostra partita sta per iniziare" e ringraziando i presenti per l'incondizionata fiducia dimostratagli.

"Il nostro movimento ha donne, uomini, giovani, famiglie duramente colpite, ma allo stesso tempo determinate a ripartire. Ecco perché noi non ci fermeremo. Vi ho proposto una strategia che sarà difficile e non senza tensioni. Noi tiriamo fuori il meglio nei momenti duri. Sentiamo la responsabilità di migliaia di giovani a cui dobbiamo dare un calcio più bello, solido e sostenibile. Allacciamo gli scarpini e iniziamo a giocare il secondo tempo", esponendosi circa il periodo che sta affliggendo il mondo del calcio ed il panorama mondiale in generale.

Infine, Gravina si è lasciato andare ad una considerazione logica, direttamente riprendendo le parole di un importante filosofo: "come diceva Seneca, non è perché le cose sono difficili che non osiamo farle, è perché non osiamo farle che diventano difficili. Aveva ragione allora e ha ragione ancora oggi - ha detto Gravina - forse abbiamo bisogno di tutta la sua saggezza e del suo pragmatismoper affrontare il secondo tempo della nostra partita per il futuro".


Segui 90min su FacebookInstagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Serie A.

facebooktwitterreddit