eSports

FIFA 23, tutto quello che sappiamo finora: prezzo, uscita e ultime novità

Andrea Gigante
FIFA 23
FIFA 23 / Clive Rose/GettyImages
facebooktwitterreddit

I gamer di tutto il mondo sono in attesa di conoscere sempre più dettagli su FIFA 23, il prossimo capitolo del videogioco calcistico più famoso al mondo nonché l'ultimo in collaborazione tra EA Sports e la FIFA.

In questo articolo riassumeremo allora tutto quello che sappiamo finora su FIFA 23 e analizzeremo anche i rumors riguardanti il nuovo gioco targato EA Sports, distinguendo quelli che sono plausibili da quelli che invece appaiono inverosimili.

Chi ci sarà sulla copertina?

Per il terzo anno consecutivo il volto del gioco sarà Kylian Mbappé, stella del Paris Saint-Germain e della nazionale francese che - stando alle ultime indiscrezioni - sarà anche il calciatore con l'overall più alto. Al suo fianco però ci sarà anche Sam Kerr, attaccante del Chelsea che sarà presente sia sulla cover della versione Standard in Australia sia su quella della Ultimate Edition Global (prima volta per una calciatrice).

Quando esce e quanto costerà?

FIFA 23 sarà disponibile in tutti i negozi di elettronica e sulle piattaforme di shopping online a partire dal 30 settembre 2022. Anche quest'anno le edizioni saranno, la Standard e la Ultimate, alle quali corrisponderà un prezzo di listino che varia dai 69,99€ ai 99,99€.

I preordini si sono aperti in concomitanza al rilascio del primo trailer ufficiali, ma a quanto pare la prenotazione non offre nessuno sconto.

  • Playstation 4, versione Standard: 69,99 euro
  • Playstation 4, versione Ultimate: 99,99 euro
  • Playstation 5, versione Standard: 79,99 euro
  • Playstation 5, versione Ultimate: 99,99 euro
  • Xbox One, versione Standard: 69,99 euro
  • Xbox One, versione Ultimate: 99,99 euro
  • Xbox Series X/S, versione Ultimate: 99,99 euro
  • Google Stadia versione Ultimate: 89,99 euro
  • Steam versione Standard: 69,99 euro
  • Steam versione Ultimat: 89,99 euro

L'Hypermotion Technology 2

Ora che le console di nuova generazione sono più presenti nei salotti dei videogiocatori di tutto il mondo, EA Sports ha deciso di investire ancora di più sul fattore realismo. Per far sì che questo sia possibile è stata realizzata l'Hypermotion Technology 2, ossia l'upgrade dell'HyperMotion introdotta nel precedente capitolo.

L'obiettivo è quello di rendere ancora più naturali i movimenti del singolo giocatore e i comportamenti dell'intera squadra. Su questo punto, però, ci sono opinioni ambivalenti: EA ha dato alle principali testate italiane l'opportunità di provare in anteprima FIFA 23 e se il Corriere della Sera ne esalta il realismo, La Gazzetta dello Sport evidenzia come l'IA fatichi ancora a far seguire al difensore l'attaccante o il centrocampista che sta entrando in area, rendendo così squilibrato il livello di attacco e difesa.

La nota lieta riguarda però i piccoli particolari. FIFA 23 è talmente realistico che osservando una parata a rallentatore si può notare come le dite del portiere si pieghino fedelmente all'impatto col pallone. Per non parlare poi delle scivolate che a volte possono sollevare zolle sul terreno (che ovviamente non influiranno sullo scorrimento successivo del pallone).

Tutte le novità su FIFA 23

Nuovi interfaccia sui calci piazzati e il Power Shot

Gli sviluppatori hanno pensato di modificare i calci piazzati per renderli più asciutti e intuitivi da battere. Come riferisce infatti La Gazzetta dello Sport, ora le punizioni si calceranno: "scorrendo un cursore con la levetta destra in una sfera ai piedi del calciatore, che presenta una gamma di scelte che va dalla maledetta à la Pirlo al tiro a giro".

Per quanto riguarda invece i rigori, si è ricercata un'interfaccia più minimal: quando il giocatore sarà sul dischetto apparirà a terra un cerchio che si apre e si chiude velocemente, quindi per segnare bisogna avere un ottimo tempismo.

Restando in ambito balistico, FIFA 23 vedrà anche l'introduzione del Power Shot, letteralmente un super-tiro, ottenuto schiacciando L1 e R1, più forte e preciso rispetto a quelli normali che permetterà ai giocatori di tirare delle vere e proprie sassate dalla distanza.

Finalmente il crossplay

In quella che promette di essere la versione più inclusiva di sempre, EA Sports non poteva non introdurre il crossplay su FIFA 23. In questo modo cadrà così ogni tipo di barriera che da anni impedisce a un utente con la PlayStation 4 di affrontarne uno che gioca su XBox.

Squadre di club femminili

La presenza di Sam Kerr in copertina dimostra quanto EA voglia investire ancora di più sul movimento femminile. Ormai da tempo sono presenti le nazionali, ma su FIFA 23 sarà possibile usare le calciatrici anche nelle rispettive squadre di club. In particolare sono state acquisite le licenze della Barclays Women’s Super League inglese e della Division 1 Arkema francese.

Sono lieto che la Barclays Women’s Super League sia una delle prime competizioni femminili di club a comparire in EA SPORTS FIFA 23, con la franchigia che ha storicamente una delle comunità di gioco più grandi e più impegnate al mondo – ha dichiarato Navin Singh, direttore commerciale della FA. – L’ulteriore visibilità che un marchio globale come EA SPORTS offrirà al nostro campionato, alle squadre e ai giocatori non può essere sottovalutata. Questo sostiene la nostra ambizione di accelerare la crescita del gioco femminile in Inghilterra e sottolinea il nostro impegno ad aprire la Barclays Women’s Super League e a renderla ancora più accessibile a nuovi spettatori in tutto il mondo”.

Questa partnership tra D1 Arkema ed EA SPORTS è un’ottima notizia per il campionato, i club, le giocatrici, ma anche per i tifosi che, a partire da quest’anno, potranno scoprire le loro giocatrici preferite e partecipare ad attivazioni esclusive“, ha dichiarato Francois Vasseur, Direttore Marketing della Federazione Francese di Calcio. “Rappresenta un enorme passo avanti per D1 Arkema come campionato leader con un seguito mondiale”.

E con i Mondiali?

La stagione 2022/23 passerà alla storia perché ospiterà ben due edizioni dei Mondiali. Dal 21 novembre al 18 dicembre 2022 si terrà infatti Qatar 2022, mentre in estate, più precisamente dal 20 luglio al 20 agosto, in Australia e Nuova Zelanda si disputeranno i Campionati del Mondo femminili.

FIFA 23 supporterà ovviamente entrambe le manifestazioni e, sebbene non siano ancora arrivate conferme ufficiali, è probabile che vengano lanciati degli aggiornamenti gratuiti e delle promo con carte apposite su Ultimate Team.

Serie A

Visto l'accordo pluriennale siglato con la Lega Calcio, FIFA sarà ancora il videogioco ufficiale del massimo campionato italiano. Questo vuol dire che non dovremo rinunciare a iniziative dedicate come il “Player of the Month” su FUT.

Per quanto concerne le licenze, le squadre di Serie A che sicuramente riporteranno nomi e divise ufficiali su FIFA 23 sono:

  • Bologna
  • Cremonese
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Inter (partnership non esclusiva con Konami)
  • Lecce
  • Milan (partnership non esclusiva con Konami)
  • Monza (partnership non esclusiva con Konami)
  • Salernitana
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Spezia
  • Torino
  • Udinese
  • Verona.

Quelle che, a causa della partnership con Konami, non ci saranno e presenteranno nomi e kit inventati sono:

  • Atalanta (Bergamo Calcio)
  • Lazio (Latium)
  • Napoli
  • Roma (Roma FC)

E la Juventus? Fino all'anno scorso i bianconeri erano in esclusiva su eFootball, ma pochi mesi fa l'accordo con Konami è terminato. Non sono arrivate notizie a riguardo, però tutto fa pensare a un ritorno della Juve su FIFA.

Serie B

Sono ormai due anni che la Serie B non è presente su FIFA. Questo perché la Lega del campionato cadetto ha siglato un accordo con Konami, rendendola dunque un'esclusiva di eFootball. Al momento non sappiamo ancora se la partnership verrà rinnovata, ma al momento la casa di produzione nipponica è ancora tra gli sponsor della Serie B.

Con tutta probabilità alcune squadre cederanno singolarmente le proprie licenze a EA Sports che le inserirà nella categoria "Resto del Mondo" su FIFA 23.

Nuovi stadi su FIFA 23

Per rendere ancora più verosimile l'esperienza di gioco, EA si sta mobilitando per aumentare gli stadi nel suo videogioco. Ecco dunque gli impianti che verranno introdotti:

  • Stadio iconico di Lusail
  • Stadio Al-Bayt
  • Stadio Al-Janoub
  • Stadio Ras Abu Aboud:
  • Stadio dell’Education City
  • Stadio Al-Thumama
  • Stadio Ahmed bin Ali

Con tutta probabilità, forse attraverso un patch successiva, verrà aggiunto anche il City Ground, casa del Nottingham Forest, neopromosso in Premier League. Mentre si candidano a far parte di FIFA 23 anche:

  • Bank of California Stadium, stadio dei LAFC di Los Angeles
  • Europa-Park Stadion del Friburgo, Philips Stadion del PSV Eindhoven, Man. City Academy Stadium (utilizzato dalla squadra femminile e dalle giovanili del City)
  • La Bombonera: iconico impianto del Boca Juniors (recentemente tornato nella scuderia EA)

I telecronisti

Non sono arrivate conferme ufficiali dai diretti interessati, ma salvo clamorose sorprese le voci italiane su FIFA 23 saranno ancora quelle di Pierluigi Pardo, noto telecronista di DAZN, e Daniele Adani, uno degli opinionisti più seguiti sia sui social sia in televisione.

Ci sarà la Modalità carriera online?

La voce si sta facendo insistente già dallo scorso anno, ma dovremo aspettare ancora prima di vedere la Modalità carriera online. Questa funzione, che darebbe la possibilità ai giocatori di sfidarsi anche nella carriera allenatore, non sarà infatti presente su FIFA 23.

FIFA 23 Ultimate Team

Un nuovo sistema di intesa

Come riporta Weaver FUT, su FIFA 23 Ultimate Team cambierà totalmente il funzionamento dell’intesa che, stando sempre alle indiscrezioni, l'intesa tra i giocatori non sarà più rappresentata da un valore numerico da 0 a 99, ma da “stelle” da un minimo di 1 stella ad un massimo di 3 stelle.

Addio ai cambi ruolo

Secondo il famoso leaker FUT Sheriff, le card cambio ruolo subiranno una profonda modifica su FIFA 23. In particolare:

  • Ogni giocatore potrà avere un ruolo principale e uno (o più) secondari
  • Esisterà un’unica carta “cambio ruolo” che permetterà esclusivamente di cambiare la posizione del giocatore da quella primaria ad una di quelle secondarie. L’effetto della carta cambio ruolo quindi sarà specifico e differente per ogni giocatore

Icons e FUT Heroes

Molto probabilmente su FIFA 23 proveremo il brivido di usare campioni del passato come Alfredo Di Stefano, Gabriel Batistuta e David Villa. I dati di questi campioni sono stati già inseriti nel database, ma le loro Icons non sono state ancora rilasciate.

Difficile prevedere se ritorneranno le card di Diego Armando Maradona. Finché la disputa legale con la sua famiglia non si placa, allora El Pibe non sarà disponibile. Nessuna notizia invece sulla possibile rimozione di Samuel Eto'o, che di recente è stato accusato di evasione fiscale in Spagna.

Nel 2022/23 EA riproporrà FUT Heroes, l'iniziativa che nel precedente capitolo ha riscosso un grande success. I nomi che circolano sono i seguenti (in grassetto quelli ufficialmente confermati):

  • Claudio Marchisio (Italia)
  • Yaya Tourè (Costa D’Avorio)
  • Peter Crouch (Inghilterra)
  • Lucio (Brasile)
  • Rafa Marquez (Messico)
  • Diego Simeone (Argentina)
  • Dirk Kuyt (Olanda)
  • Capdevila (Spagna)
  • Park Ji Sung (Corea del Sud)
  • Landon Donovan (USA)
  • Tomas Brolin (Svezia)
  • Juninho Pernambucano (Brasile)
  • Jean-Pierre Papin (Francia)
  • Carvalho (Portogallo)

Cinque cambi in arrivo su FIFA 23?

In seguito alla pandemia, venne concessa ai club l'opportunità di compiere 5 cambi anziché 3. Questa soluzione presa in un contesto d'emergenza si è rivelata però vincente, tanto che l’International Board della FIFA ha deciso di adottare le 5 sostituzioni in pianta stabile.

A riguardo non sono arrivate conferme, ma è molto probabile che EA Sports si metta al passo coi tempi.


Segui 90min su Twitch.

facebooktwitterreddit