Premier League

Febbre a 90: la "Kop" del Liverpool

Giovanni Benvenuto
Liverpool FC
Liverpool FC / Shaun Botterill/GettyImages
facebooktwitterreddit

Dopo avervi fatto scoprire il "muro giallo" del Borussia Dortmund, stavolta andiamo in Inghilterra - precisamente in Premier League - per raccontarvi una delle tifoserie più romantiche dell'intero panorama calcistico europeo e non. Ovviamente stiamo parlando del Liverpool e della sua "Kop". Sugli spalti di quel settore, in ogni match casalingo, riecheggiano le note dell'inno della squadra, ovvero "You'll never walk alone". Non solo: c'è anche una stretta connessione tra la cantante Dua Lipa e il club di Anfield. Ma perché la curva dei reds si chiama in questo modo? Perché i tifosi cantano anche un brano di una popstar? Andiamo a scoprirlo.

Perché la curva del Liverpool si chiama Kop?

Per provare a spiegare il significato di questo termine occorre tornare indietro nel tempo, precisamente nel 1900. Fra il 23 e il 24 gennaio tra l'impero britannico e la Repubblica Sudafricana fu combattuta la "Battaglia di Spion Kop". Spion Kop era una collina sudafricana che fu conquistata dalle truppe britanniche il 23 gennaio di quell'anno e che l'indomani diventò terra di scontro dove persero la vita oltre 500 soldati tra i quali la metà originaria proprio di Liverpool.

Quello scontro rimase impresso nella memoria di ogni inglese, tanto che un giornalista - quattro anni dopo - decise di utilizzare il termine Kop per indicare i tifosi posizionati in piedi sui gradoni del Manor Ground, stadio del Woolwich Arsenal di Londra. Due anni dopo un giornalista del Liverpool Echo disse che i cosiddetti scaloni dei tifosi dei reds venivano chiamati con il soprannome di Spion Kop.

Nel 1928, quando fu installata la copertura allo stadio, il settore con la frangia più sfegatata dei reds venne chiamato Kop con la capienza che corrispondeva a 30.000 posti (poi ridotti a 12.500 per motivi di sicurezza).

Liverpool v Wolverhampton Wanderers - Premier League
La Kop di Anfield / Matthew Ashton - AMA/GettyImages

Il "legame" con la cantante Dua Lipa

L'inno del Liverpool è sempre "You'll never walk alone". La canzone adottata nel 1964 resterà sempre il cosiddetto anthem ufficiale, ma nel corso degli ultimi anni - precisamente a partire dal 2018 - i tifosi dei reds hanno affiancato alla squadra un brano più moderno ma pur sempre romantico: "One Kiss" di Dua Lipa.

Sebbene la cantante londinese sia cresciuta in una famiglia di tifosi dell'Arsenal, i reds hanno scelto il suo brano come coro da cantare sugli spalti. La storia risale al 2018, quando il Liverpool giocò la finale di Champions League contro il Real Madrid. Sulle tribune dello Stadio Olimpico di Kiev un tifoso cercò di prevedere la vittoria dei reds esponendo uno striscione ritraente il bacio di Steven Gerrard alla coppa vinta nel 2005 a Istanbul. Purtroppo per il club inglese andò male, con i blancos che fissarono il punteggio sul 3-1. Da quel momento però "One Kiss" divenne una sorta di secondo inno celebrativo, tanto che a Wembley - in occasione della finale di FA Cup vinta contro il Chelsea - i giocatori festeggiarono proprio sulle note della canzone della popstar.

Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit