Milan

Fatturato Milan 2021-22: si va verso la cifra di 300 milioni di euro

Marco Deiana
La dirigenza del Milan 2021-22
La dirigenza del Milan 2021-22 / Marco Luzzani/GettyImages
facebooktwitterreddit

La rinascita del Milan. Non solo sportiva, anche economica. Secondo quanto riportato da Calcio & Finanza, la società rossonera punta a toccare e superare quota 300 milioni di euro di fatturato nella stagione 2021-22.

Un passo in avanti verso Juventus e Inter, prima di poter competere anche con le big europee, troppo distanti al momento.

Il Fondo Elliott, da quando ha preso in mano la proprietà del Milan, sta lavorando con un progetto a lungo termine, senza follie di mercato e investendo solamente in calciatori con un'età inferiore ai 25 anni. Nei prossimi anni, con lo stadio nuovo (salvo sorprese), si punta ad aumentare notevolmente il fatturato tramite i ricavi del nuovo impianto.

L'ipotetico fatturato del Milan 2021-22

Il fatturato del Milan 2021-22 dovrebbe raggiungere la cifra di 303,5 milioni di euro circa, tramite questi ricavi (riportati sempre da Calcio & Finanza):

  • Ricavi da gare: 43 milioni di euro
  • Ricavi da sponsor: 60 milioni di euro
  • Ricavi commerciali e royalties: 11,7 milioni di euro
  • Ricavi da diritti audiovisivi ITA: 84 milioni di euro
  • Ricavi da diritti audiovisivi UEFA: 45,2 milioni di euro
  • Plusvalenze calciatori: 8,3 milioni di euro
  • Ricavi da cessione in prestito: 3 milioni di euro
  • Altri proventi da cessione calciatori: 3 milioni di euro
  • Proventi vari: 9,8 milioni di euro
  • Ricavi e proventi diversi: 15,5 milioni di euro
  • Cessione Casa Milan: 20 milioni di euro

La crescita del fatturato del Milan

Dai quasi 200 milioni di euro della stagione 2019-20 ai 260 milioni di euro della stagione 2020-21 fino ai 300 milioni di euro della stagione in corso.

Nell'ultima stagione sono aumentati i ricavi da sponsor e da gare (grazie alla riapertura, seppur parziale, degli stadi rispetto alla stagione 2020-21). Sono aumentati, naturalmente, anche i diritti tv dalla UEFA, grazie al ritorno in Champions League. Calano invece gli incassi da plusvalenze. Questo è un punto molto importante, perché evidenzia la capacità dei rossoneri di generare ricavi senza essere legati alle cessioni.

Le plusvalenze nella stagione 2021-22 sono di circa 8 milioni, mentre nella stagione 2019-20 e 2020-21 il Milan ha generato in totale 40 milioni di euro (20 milioni a stagione).

L'obiettivo della società rossonera

Come riportato da Calcio & Finanza, il fatturato del Milan 2021-22 raggiungerebbe la stessa cifra messa a bilancio a dicembre 2006, anno caratterizzato dalla plusvalenza generata dalla cessione di Shevchenko al Chelsea.

L'obiettivo del Milan, a breve termine, è quello di raggiungere il fatturato del 2012, arrivato a circa 330 milioni di euro. Ma anche in quel caso sono state fondamentali le cessioni (e le conseguenze plusvalenze) di Thiago Silva e Ibrahimovic al Paris Saint-Germain.


Articolo scritto da Marco Deiana. Se ti piace l'argomento e vuoi leggerne altri, iscriviti al mio canale Telegram.

facebooktwitterreddit