Lazio

Alla scoperta della Lazio eSports: il nostro Faccia a faccia con Asap_Tom96 e Fabio_ulous

Alessandro Eremiti
Thomas Saiani e Fabio Marino, i pro player della Lazio eSports
Thomas Saiani e Fabio Marino, i pro player della Lazio eSports / 90min Italia
facebooktwitterreddit

Thomas Saiani e Fabio Massimo Marino. Quando la Lazio gioca a FIFA, sono loro a portare in alto l'aquila. Thomas, Asap_Tom96, che la scorsa settimana è entrato nella top 16 per la eNazionale, è il pro player Xbox, mentre Fabio, conosciuto nell'ambiente degli esports come Fabio_ulous, è il pro player PlayStation. Bresciano il primo, di Saronno il secondo. Entrambi con una passione per "il Mago" Luis Alberto e rigorosamente contro il 5-3-2 (anche se uno dei due, e non vi diciamo chi, non ha chiuso totalmente le porte).

Divertenti, determinati e ambiziosi, sono stati protagonisti del nostro primo Faccia a faccia e ci hanno aiutato a risolvere alcuni dilemmi che tormentano i gamers di ogni età.

I consigli per chi vuole diventare un pro player

La crescita esponenziale dell'industria del gaming e degli esports genera sempre più hype attorno alla figura del pro player. Sono sempre di più infatti, i giovanissimi che preferiscono le finte con il joypad a quelle in campo, ma la strada verso il professionismo non è affatto semplice. "Ci vuole costanza, non si deve mollare mai e bisogna essere pronti a fare tantissimi sacrifici, se necessario", dice Thomas. "Devi avere tanta voglia, senza la voglia è praticamente impossibile raggiungere degli ottimi risultati. È un'attività a cui si deve dedicare tempo, cercando sempre di imparare e di migliorare", dice invece Fabio.

Altro aspetto fondamentale è sicuramente la cura dei dettagli in allenamento che può variare da un pro player all'altro: "Cerco sempre di allenare l'aspetto mentale e la gestione delle diverse situazioni", prosegue Thomas, mentre Fabio si concentra su alcuni particolari più prettamente legati al gioco: "Per me è importante cercare di difendere sempre meglio, quindi lavoro moltissimo sul fuorigioco e sullo switch in difesa".

Gli obiettivi

Dopo aver superato il girone della eSerie A Tim, Thomas e Fabio affronteranno il Milan nei playoff a fine aprile e sembrano determinati sia a livello individuale che di squadra: "Per un pro, è importantissimo arrivare alle Final 8 e dare il tutto per tutto a livello di squadra e cercare di raggiungere le Global Series a livello individuale", spiega Thomas. "È ovvio che pensi alle Global Series, perché sono un evento importantissimo, ma quando sei impegnato nei campionati nazionali con la tua squadra il primo obiettivo è sempre cercare di arrivare in fondo. Se penso al futuro, poi mi piacerebbe potermi confrontare anche con dei campionati esteri. Mi piacciono tantissimo sia il campionato olandese per il format che ha e perché si gioca una gara a settimana, che la Liga. Però il presente dice Lazio, sono contento di far parte di questo progetto e voglio portare il club al top", conclude Fabio.

La Lazio eSports

Nata poco più di un anno fa, la divisione eSports del club biancoceleste, oltre al team FIFA, vanta anche un team PES, che ha fatto il suo esordio ieri nel Girone A della eSerie A Tim. A coordinare tutte le attività e a supportare i players sia dentro che fuori dal campo è la Go Project, che di recente ha lanciato due importanti iniziative per coinvolgere i tifosi della Lazio: C'mon Caster che permetterà al fortunato vincitore di diventare il Caster ufficiale del club in tutte le competizioni e King of the Hill, che darà la possibilità ai giocatori più bravi di sfidare i pro players e mettere in mostra il proprio talento.


Segui 90min su FacebookInstagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Lazio e degli eSports.

facebooktwitterreddit