Juventus

Davvero le polemiche arbitrali possono ricompattare la Juventus?

Lorenzo Zornetta
Dusan Vlahovic
Dusan Vlahovic / Nicolò Campo/GettyImages
facebooktwitterreddit

Il finale di partita con la Salernitana ha lasciato non pochi strascichi in casa Juventus e nel calcio italiano. Le polemiche dopo l'errore del VAR, che ha annullato per fuorigioco il gol vittoria alla Juve non disponendo dell'immagine in cui si vedeva Candreva che teneva in gioco Bonucci, stanno tenendo banco e monopolizzano il dibattito pubblico anche distogliendo l'attenzione dagli evidenti problemi dei bianconeri.


Appena 2 vittorie, in casa contro Sassuolo e Spezia, e 4 pareggi nelle prime 6 uscite stagionali non possono essere spiegati da un errore, seppur clamoroso, del VAR dopo una partita comunque in cui la Salernitana non meritava certo di perdere. I problemi di gioco della Juve sono evidenti e ricorrenti in questo inizio di stagione, un gioco lento, spesso difensivo e con poche idee offensive.
Se l'arbitro è l'alibi dei perdenti, come spesso detto proprio dai bianconeri, allora forse è meglio concentrarsi sul trovare soluzioni, anche rapide, ai limiti nel gioco della Juve, pur considerando ovviamente le tantissime defezioni della rosa a causa degli infortuni.

Leonardo Bonucci
Leonardo Bonucci / ANP/GettyImages

La rabbia per compattarsi e ripartire

Bonucci ha usato parole da capitano vero dopo il match con la Salernitana non cercando l'alibi dell'errore dell'arbitro, ma dichiarando che la squadra deve ritrovare la compattezza, la rabbia e la forza di arrivare per primi sulle seconde palle, di vincere i contrasti e di essere costanti nelle prestazioni.

In questo senso l'errore arbitrale deve essere uno stimolo in più, a volte può capitare che un episodio negativo si riveli una svolta per la stagione e dia la scossa alla squadra, un aiuto a compattarsi un po' come quando Mourinho parlava del "rumore dei nemici" per cementare il gruppo squadra. Oppure proprio restando in casa Juve, si ricorda quella famosa sconfitta di Sassuolo nell'ottobre 2015, il punto più basso per i bianconeri di Allegri che proprio dopo quella sconfitta si unirono in un patto Scudetto che effettivamente arrivò a fine stagione.

Arkadiusz Milik
L'episodio contestato / Jonathan Moscrop/GettyImages

La partita con la Salernitana e l'errore arbitrale devono essere la scossa che serve alla Juventus per dare una svolta a questa stagione perché questa squadra, pur con molti infortunati, ha il dovere di fare prestazioni e risultati migliori. Vedremo se questa svolta avverrà già nella partita di mercoledì 14 settembre in Champions League contro il Benfica, partita che dopo la sconfitta all'esordio contro il Psg potrebbe essere già decisiva per il passaggio del turno.

facebooktwitterreddit