Juventus

Danny: "Juventino mancato per colpa di Diego"

Antonio Parrotto
Danny
Danny / Streeter Lecka/GettyImages
facebooktwitterreddit

Ricordate Daniel Alves Gomes detto Danny? L'ex giocatore, ritiratosi nel 2018, è nato in Venezuela, ma è cresciuto a Madeira insieme a Cristiano Ronaldo e ha giocato per tanti anni nello Zenit San Pietroburgo, prossimo avversario della Juventus in Champions League. Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, il portoghese ha parlato in vista della sfida tra i russi e i bianconeri.

Cosa fai ora?

"Amore, casa, famiglia. Arrivai nel 2008 come il trasferimento più costoso della storia del club, 30 milioni di euro. Due giorni dopo la firma segnai un gran gol al Manchester United saltando mezza squadra. Era la mia prima partita con lo Zenit. Vincemmo la Supercoppa Europea contro Sir Alex, Tevez, Rooney…”.

Spalletti?

Se ho vinto e segnato tanto lo devo a lui. Ci allenavamo a duemila all’ora, eravamo la squadra più forte della Russia. Anche l’italiano lo devo a Luciano: quando seppi che sarebbe arrivato mi misi a studiare con l’aiuto di Rosina. Ero una sorta di traduttore. Poi arrivò anche Mimmo Criscito, e con lui è nata un’amicizia che dura ancora oggi. Spesso andiamo in vacanza insieme, di recente siamo stati in Sardegna. Ho conosciuto anche Ciro Immobile, una bella persona”.

FBL-EUR-C1-BENFICA-ZENIT-ZENITH
Danny / PATRICIA DE MELO MOREIRA/GettyImages

Juve?

Nel 2009 sono stato a un passo dai bianconeri. Il d.s. era Alessio Secco, mi chiamò diverse volte per chiedermi disponibilità. Io ero allo Zenit, ero felicissimo, dissi di sì. La scelta era tra me e Diego, ne parlai anche con Tiago, ma alla fine hanno preso il brasiliano e io sono rimasto a San Pietroburgo”.

Ricordi i precedenti con la Juve?

Certo, giocai entrambe le gare. Champions League 2008/09, avevamo appena vinto la Coppa Uefa ed era il primo anno del club nella grande coppa: 0-0 in casa, poi sconfitta di misura al ritorno a Torino. Peccato. C’erano grandi campioni: Del Piero, Nedved, Marchisio, Buffon, Chiellini…”.

Cristiano Ronaldo?

Secondo me sì, aveva finito un ciclo. In bianconero ha dato tutto, segnato molto, scritto la storia, vinto trofei. Giusto cambiare squadra”.

Pronostico?

Dico un pareggio. Non è così scontato che vinca la Juve, anzi…”.


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit