Dal caso Dzeko al fantasma di Allegri: un duro inizio (immeritato) per Fonseca

Paulo Fonseca
Hellas Verona FC v AS Roma - Serie A | Alessandro Sabattini/Getty Images

Non c'è che dire, l'inizio dell'avventura al timone della Roma per Dan e Ryan Friedkin è stato alquanto tribolato. Oltre ai noti problemi di bilancio si è aggiunta la clamorosa sconfitta a tavolino con il Verona per il caso Diawara, con l'affare Dzeko sfumato sul più bello che ha cambiato drasticamente le prospettive di mercato.

FBL-EUR-C3-SEVILLA-ROMA
FBL-EUR-C3-SEVILLA-ROMA | WOLFGANG RATTAY/Getty Images

E come se non bastasse Paulo Fonseca è salito sul banco degli imputati. Dalla pesante eliminazione dall'Europa League contro il Siviglia nell'ultima gara della scorsa stagione, con una prestazione ignobile - come confermato poi anche da capitan Dzeko nel post gara - fino ai problemi con l'attaccante bosniaco. Ed ecco che nell'ottica di un rinnovamento anche in panchina, oltre che in campo, sulla testa dell'allenatore portoghese aleggia lo spettro Max Allegri, che pare sia stato contattato dalla Roma. Difficile arrivare al livornese, che comunque non ha chiuso le porte. Ma è giusto tutto questo accanimento su Fonseca?

Paulo Fonseca, Chris Smalling
AS Roma v SSC Napoli - Serie A | Giuseppe Bellini/Getty Images

Il tecnico portoghese ha sbagliato, come hanno fatto giocatori e società, ma ha ancora delle attenuanti. Come quella di non aver mai accampato scuse: del resto ha sempre chiesto Smalling, leader della difesa la scorsa stagione, ma ad una decina di giorni dalla fine del mercato ancora non è arrivato (e la situazione sembra farsi sempre più difficile). Fonseca non ha mai avuto fortuna, perchè per ben due volte ha perso il calciatore più forte della rosa giallorossa (Zaniolo), senza avere mai tutti gli effettivi a disposizione.

Nicolo Zaniolo
Netherlands v Italy - UEFA Nations League | Claudio Villa/Getty Images

Detto questo, i tifosi imputano all'allenatore la scarsa incisività a partita in corso con i cambi spesso tardivi, soprattutto nei cambi, così come un gioco che non è mai decollato. La sua ambizione è sempre stata quella di controllare la gara: una caratteristica che abbiamo visto solo in un paio di occasioni. Ora la gara con la Juve sembra già l'ultima spiaggia per il tecnico: i tifosi chiedono, magari anche a ragione, il grande nome per la panchina, ma provateci voi a lavorare senza avere mai i giocatori adatti e soprattutto i rinforzi richiesti.

Paulo Fonseca
Hellas Verona FC v AS Roma - Serie A | Pier Marco Tacca/Getty Images

Segui 90min su FacebookInstagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Roma e della Serie A.