Inter

Cottarelli: "Interspac? Stiamo lavorando ma ci sono basse probabilità di riuscita"

Alessio Eremita
Carlo Cottarelli
Carlo Cottarelli / Francesco Prandoni/GettyImages
facebooktwitterreddit

Carlo Cottarelli non molla. L'economista ha approfittato delle pagine de Il Giornale per rilanciare il progetto Interspac, che racchiude all'interno di un azionariato popolare molti tifosi nerazzurri (vip e non): "Stiamo ancora lavorando, come previsto per questo mese, con il nostro business advisor Deloitte, e poi vedremo, ci deve essere la volontà anche della proprietà. È un’operazione molto complicata ovviamente trattandosi di una società molto grande. Quindi rimane bassa la probabilità che ci riusciamo però ancora esiste. Il modello è simile, differisce soltanto in termini di numero di persone che si vogliono raggiungere. Un conto è raggiungere mille persone, un altro raggiungerne centomila e puntare così a un vero azionariato popolare".

AS Roma v FC Internazionale - Serie A
Inter / Paolo Bruno/GettyImages

Sugli sviluppi legati all'Inter: "Bisogna vedere come viene effettuata l’operazione. La nostra idea di azionariato popolare coinvolge un numero molto ampio di tifosi, bisogna invece vedere le modalità con cui verrebbe realizzata questa operazione da parte di Vialli. Il modello è quello tedesco? Il Bayern Monaco senz’altro. Se funziona lì, può funzionare anche da noi. Ci proviamo… Noi puntiamo alla minoranza mentre Vialli alla maggioranza? Beh non necessariamente, il nostro progetto dipende da quanto si riesce a raccogliere quindi non è necessariamente legato a un’entrata in minoranza. A me piace il calcio che si basa sul cuore e sull’entusiasmo. Ci deve essere una collaborazione tra i piccoli, i medi e i grandi protagonisti perché l’impresa possa funzionare", ha concluso Cottarelli.


Segui 90min su Twitch.

facebooktwitterreddit