Juventus

Cosa potrebbe dare Paredes alla Juventus

Simone Catanzaro
Leandro Paredes
Leandro Paredes / Alex Pantling/GettyImages
facebooktwitterreddit

In un calciomercato caratterizzato da grandi ritorni, come quelli di Pogba e Lukaku, anche Paredes sembra ormai prossimo al ritono nel Bel Paese. In Serie A è esploso con le maglie di Empoli e Roma, prima delle esperienze in Russia allo Zenit San Pietroburgo e in Francia al Paris Saint-Germain. Ora sembra pronto per tornare in Italia, questa volta con la maglia della Juventus.

Dagli inizi al Boca fino al PSG, passando per l'Italia e la Russia:
i ruoli del giramondo Paredes

FBL-ARGENTINA-BOCA JUNIORS-SAN LORENZO
Paredes con il Boca / ALEJANDRO PAGNI/GettyImages

Nel Boca Juniors nasce come trequartista ma in Europa viene inizialmente trasformato in mezzala nel centrocampo a tre per poi stabilizzarsi nel ruolo di regista puro davanti alla difesa. Nel corso della carriera giocato anche mediano in un centrocampo a due.

Giocatore di caratura internazionale, rappresenta uno dei centrocampisti più completi in circolazione per via della sua grande visione di gioco, oltre che per la sua abilità nel dribbling, nella precisione dei passaggi ma anche per una discreta abilità nello stretto.

Paredes nella sua esperienza in Italia ha collezionato 77 presenze totali tra campionato e Coppa Italia, dal 2014 al 2017. Forgiato da Giampaolo nell'anno di prestito Empoli, l'argentino ha dimostrato gran parte del suo potenziale nella stagione successiva con Spalletti, di rientro nella Capitale. Le 41 presenze in stagione, condite da grandi prestazioni, convincono lo Zenit San Pietroburgo a sborsare quasi 30 milioni di euro per acquistarne il cartellino. In Russia Paredes vedrà la sua definitiva consacrazione, passando da giovane promessa a grande calciatore. Nel 2019, poi, il passaggio sotto la Tour Eiffel, dove ha vissuto sin qui stagioni altalenanti, a causa di una non costante titolarità in campo.

Adesso la Juventus?

In bianconero vuole trovare continuità. Allegri presumibilmente lo utilizzerà da play davanti alla difesa nel suo 4-3-3, alternandolo insieme a Locatelli, o spostando quest'ultimo nel ruolo di mezz'ala, oppure da mediano in un centrocampo a due se deciderà di passare a un 4-4-2 o a un 4-2-3-1. Il tecnico dovrà essere bravo a gestirlo anche dal punto di vista fisico, in quanto l'argentino ha sempre dimostrato di essere un calciatore dall'infortunio facile.

Allegri si prepara ad avere a disposizione quel rinforzo a centrocampo che tanto desiderava e di cui tanto necessitava per dare sostanza e dinamicità al gioco bianconero. Dopo Lukaku e Pogba, la Serie A si prepara a riabbracciare anche Leandro Paredes.

facebooktwitterreddit