Conte in panchina, Marotta in dirigenza: il piano di Elkann per la Juventus

Stefano Bertocchi
Antonio Conte e Giuseppe Marotta
Antonio Conte e Giuseppe Marotta / Claudio Villa/GettyImages
facebooktwitterreddit

Beppe Marotta, Alex Del Piero e un direttore dell’area tecnica scelto dall’attuale ad dell’Inter. È questa, secondo quanto scrive oggi il Corriere dello Sport, l'idea della Juventus per rifondare gran parte della dirigenza dopo le dimissioni in blocco del CdA legate all'inchiesta portata avanti dalla Procura di Torino. Ma non è tutto: più avanti, Massimiliano Allegri permettendo, il sogno bianconero è di riportare alla Continassa anche un Antonio Conte indicato come desideroso di tornare in Serie A dopo l'esperienza inglese.

"Non sono idee sensazionali, non brillano certo per originalità, ma alla Juve che vuole e deve uscire anche sportivamente dalla tormenta è finito il tempo degli azzardi", si legge sulle pagine del giornale romano. Uno scenario che non tiene conto dei possibili risvolti sportivi e panali dell'indagine portata avanti dalla Procura di Torino che, stando a quanto filtra, potrebbe portare la società bianconera alla retrocessione e all'esclusione dalle coppe.

Per quanto riguarda Marotta, il Corriere dello Sport scrive che il dirigente "all’Inter sta bene, dicono, ma chi lo frequenta lo descrive sfinito dalle troppe salite alle quali l’ha costretto la proprietà. Le difficoltà finanziarie del Gruppo Suning sono note a (quasi) tutti, in particolare a chi - come lo stesso Marotta e il ds Ausilio - da troppo tempo è condannato a fare le nozze coi fichi secchi per garantire la competitività della squadra". Da qui partirebbe l'idea di tornare a Torino.  


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit