MLS

Come sta andando l'avventura di Bernardeschi, Criscito e Insigne in MLS?

Simone Catanzaro
Lorenzo Insigne, Federico Bernardeschi, Domenico Criscito
Lorenzo Insigne, Federico Bernardeschi, Domenico Criscito / Vaughn Ridley/GettyImages
facebooktwitterreddit

Tre italiani all'estero e in particolare a Toronto. In MLS si parla tanto italiano in questa stagione con gli arrivi di giocatori importanti come Bernardeschi, Criscito e Insigne, tutti alla ricerca di nuove esperienze in un contesto ben diverso da quello europeo. Ai loro arrivi sono stati accolti come vere e proprie star, con il compito di risollevare il Toronto FC dalle zone basse della classifica e di dare al campionato americano un appeal diverso.

L'avventura è cominciata per tutti nel migliore dei modi, con Bernardeschi ormai diventato beniamino dei tifosi e Insigne che ha inciso con sei gol e due assist in dieci presenze e Criscito titolarissimo a sinistra.

L'avventura di Lorenzo Insigne a Toronto

Fa il suo debutto da titolare con la nuova maglia il 24 luglio 2022 nella vittoria casalinga per 4-0 contro Charlotte. Tre giorni dopo, prende parte alla finale della coppa nazionale canadese contro il Vancouver Whitecaps, persa ai calci di rigore con un punteggio totale di 5-3. Il 6 agosto segna il suo primo gol in campionato nella vittoria esterna contro il Nashville.

Eppure, nello straordinario inizio dell'ex Napoli nella sua nuova avventura, c'è una piccola nota negativa, ovvero quella legata al ruolo di rigorista: l'ex capitano azzurro ha tirato un calcio di rigore il 31 luglio nel match contro il New England Revolution, sbagliando. Dopo quell’episodio, il tiro dal dischetto è stato affidato per tre volte all’altro attaccante italiano, Bernardeschi.

L'avventura di Federico Bernardeschi a Toronto

Proprio l'ex Juve sembra essere quello entrato più in sintonia non solo con i tifosi ma con tutto il mondo canadese, come testimoniato dal video recentemente pubblicato su Instagram proprio dal calciatore che lo ritraeva impegnato a lezione di inglese.

Bernardeschi arriva al Toronto come designated player, ovvero una regola dove in MLS tre giocatori per squadra possono sforare senza limiti il massimo ingaggio consentito, pesando sul Salary Cap proprio con il massimo consentito da regolamento. Il 23 luglio di quest'anno, durante la sua partita d'esordio in MLS, l'ex Juve trova la prima rete con la nuova maglia, mettendo a segno il parziale 3-0 nella vittoria interna contro Charlotte. Al momento Bernardeschi vanta 10 presenze e 8 gol con i canadesi del Toronto. Un inizio niente male.

L'avventura di Domenico Criscito a Toronto

Criscito invece si concentra più sulle differenze riscontrate tra Italia e Canada. In più interviste ha dichiarato come lo stile di vita sia completamente diverso, come ci sia la possibilità di incontrare per strada personaggi come Adam Sandler e Arnold Schwarzenegger (con il quale ha scattato un selfie) e di come sia stato l'adattamento per la sua famiglia in un Paese e in un continente diverso dal precedente. Focalizzandosi sugli aspetti calcistici le differenze sono molteplici, ma in particolare una è sostanziale: in MLS i ritiri prima delle partite non esistono, l’appuntamento è 1 ora e mezza prima del match allo stadio. Un cambiamento radicale in confronto al campionato italiano. Meglio o peggio? "Dipende dai giocatori che hai e dalla loro professionalità. Se uno capisce che la partita è importante sta a casa e si comporta come fosse in ritiro", ha dichiarato l'ex capitano del Genoa.

facebooktwitterreddit