Juventus

Cobolli Gigli: "Juve, sono preoccupato. Cristiano Ronaldo e Nedved: che errori!"

Antonio Parrotto
Giovanni Cobolli Gigli
Giovanni Cobolli Gigli / Getty Images/GettyImages
facebooktwitterreddit

Giovanni Cobolli Gigli, ex presidente della Juventus, ha parlato ai microfoni di Radio Radio commentando le ultime vicende e vicissitudini di casa bianconera. Ecco le dichiarazioni dell'ex numero uno della Juve.

Quale è il suo sentimento da tifoso juventino?
"Sono dispiaciuto e preoccupato. Nel frattempo in campionato avevo visto segnali di ripresa almeno dal punto di vista dei risultati, non nel gioco. Poi purtroppo le due partite con Sassuolo e Verona hanno dato una botta in testa non indifferente alle ambizioni della Juventus. Ho visto invece una squadra, magari un po’ fortunata e con un girone non così competitivo, che comunque ha fatto quello che doveva in Champions League. Attualmente in Serie A i bianconeri si trovano con 18 punti e, considerando le performance delle 3 squadre più o meno in testa, giungere al quarto posto appare complicato. Credo che ormai l’obiettivo da porsi sia quello di arrivare quarti a tutti i costi“.

La Lazio?
"La trasferta in casa della Lazio si presenta difficile, cruciale, complicata ma ormai non c’è più nulla da fare. La Juventus o vince o non ci sono altre strade percorribili. Ci sono infortunati tra i biancocelesti e anche tra i bianconeri. La partita andrà giocata con grande determinazione. Mi auguro che la Juventus riesca a ritrovare quella grinta persa in questa stagione e, forse, in parte di quella passata“.

Sensazioni da azionista?
"​Sono preoccupato. Ho dovuto partecipare, per il mio piccolo, ad un aumento di capitale di 300 milioni e ora dovrò partecipare ad un aumento di capitale di 400 milioni e non vedo particolari prospettive perché il titolo, cioè il mio investimento, si possa risollevare. La Juventus è una società quotata in borsa ed è una società per azioni. Dal punto di vista puramente teorico potrebbe distribuire anche dividendi. Questo è il frutto di una gestione che, nel bene o nel male, ha accumulato perdite per diverse centinaia di milioni con un indebitamento, pre aumento di capitale di 400 milioni, di oltre 300 milioni di euro. I 9 scudetti sono stati portati a casa con grandissima ambizione e grande capacità, ma le cose hanno iniziato a vacillare 2-3 anni fa. Quando c’è stata l’idea di fare un grande investimento su un unico giocatore, costato quasi 80 milioni l’anno, che non poteva contribuire a dare alla Juventus quel ‘bust’ che gli azionisti e gli investitori avevano immaginato. Parlo ovviamente di Ronaldo, nonostante tutto ciò che il portoghese ha fatto in termini di gol e prestazioni. Ricordiamo anche l’uscita di un dirigente preparato come Marotta, sostituito da persone non in grado di fare quel mestiere che sta facendo molto bene in una squadra difficile da gestire come l’Inter".

(FILES) - Picture taken 29 June 2006 of
Giovanni Cobolli Gigli / PACO SERINELLI/GettyImages

Vlahovic?
"La mia idea, dal punto di vista economico-finanziario, è che il club dovrebbe pensare innanzitutto a ridurre l’indebitamento. Perché i 400 milioni che arriveranno sono in molta parte già spesi per pagare debiti contratti nel passato e differiti agli anni successivi. Quindi di ‘ciccia per i gatti’ per comprare nuovi giocatori ne rimane poca. Chiaramente però la Juventus deve fare pochi e oculati acquisti puntando su persone che abbiano potenzialità per diventare fuoriclasse. Certo non si può andare avanti con quella campagna acquisti posta in essere negli ultimi anni“.

Andrea Agnelli?
Al suo arrivo Andrea Agnelli sicuramente è riuscito a fare un ottimo lavoro ma, come una persona intelligente, circondandosi di professionisti capaci di consigliarlo. Poi forse è subentrata un po’ di presunzione da parte del giovane Andrea Agnelli. Ha fatto fuori il direttore finanziario, che era una persona di grande capacità, e ha fatto fuori Marotta. Sicuramente sono stati fatti errori di presunzione di poter risolvere dei problemi affidandosi a un gruppo decisionale che non aveva maturità e professionalità per poter fare le cose che dovevano essere fatte“.

Nedved?
Nedved non mi sta antipatico. Io lo adoro come giocatore e lo adoro anche come persona, trovo però che sia stato un errore farlo Vice Presidente della Juventus. Perché un ex giocatore di calcio, con il carattere che ha Nedved, deve essere utilizzato per quelle che sono le sue capacità specifiche. Non si può snaturare una persona e metterla in un ruolo in cui la diplomazia deve essere la priorità“.


Segui 90min su Twitch.

facebooktwitterreddit