Napoli

Chi è Luis Maximiliano: profilo e caratteristiche del portiere che piace al Napoli

Francesco Castorani
Deportivo Alaves v Granada CF - La Liga Santander
Deportivo Alaves v Granada CF - La Liga Santander / Juan Manuel Serrano Arce/GettyImages
facebooktwitterreddit

Il brutto errore di Alex Meret contro l'Empoli torna a far parlare del futuro portiere del Napoli. Con Ospina in scadenza a giugno e l'italiano, che non convince, a giugno 2023, De Laurentiis si guarda intorno per rinforzare un reparto fondamentale in cui il Napoli non eccelle da troppo tempo.

Il primo sguardo è in Liga per il portoghese classe 1999 Luis Maximiano, una scommessa trasformatasi in affare per il Granada. La squadra andalusa ha fatto la scelta giusta per sostituire Rui Silva, prendendo un connazionale giovane, ma già pronto per giocare ad alti livelli, pagandolo circa 4.5 milioni e assistendo a un significativo incremento del prezzo durante la stagione.

Sul portoghese ci sono le sirene del Napoli, ma non solo. Anche il Barcellona ha messo gli occhi su di lui tempo fa, eventualmente per affidargli il ruolo di vice Ter Stegen. E, visto il suo rendimento, potrebbero aggiungersi altre squadre alla corsa. Andiamo allora a conoscere meglio Luis Maximiano, il nuovo obiettivo del Napoli.

La carriera di Luis Maximiano

Luis Maximiano
Sporting CP v SL Benfica - Liga NOS / Carlos Rodrigues/GettyImages

Nato a Celeiros, nel nord del Portogallo, Luis Maximiano muove i primi passi nel Braga per poi passare allo Sporting Lisbona a 13 anni. Con i biancoverdi compie tutta la trafila nelle giovanili e l'esordio arriva in Coppa di Portogallo nel settembre 2019, in una sconfitta per 2-1 con il Rio Ave. In Italia ritroverebbe Rui Patricio, a cui ha fatto da terzo portiere proprio con lo Sporting.

Un paio di mesi più tardi l'esordio in Europa League è più felice. Esordisce da titolare in una competizione europea e si prende un clean sheet casalingo nella roboante vittoria dello Sporting sul PSV per 4-0. È in quel periodo che conquista la titolarità relegando in panchina il brasiliano Renan Ribeiro e concludendo la stagione tra i pali.

L'anno successivo vince i suoi primi due trofei (Campionato e Coppa di Portogallo), ma la fa da secondo. Ruben Amorim sceglie il più esperto Antonio Adan tra i pali relegando il giovane portoghese in panchina. Da qui la scelta di volare in Liga, dove gli è bastato poco meno di una stagione per farsi notare.

Caratteristiche tecniche

Sempre convocato nelle selezioni nazionali giovanili, aspetta la prima chiamata con la nazionale maggiore. Al momento ne ha diversi davanti a sè, tra cui due intoccabili come Anthony Lopes e Rui Patricio, ma la sua stagione con il Granada non è passata inosservata e se continuasse a questi livelli potrebbe anche essere preso in considerazione come terzo slot a Qatar 2022.

190 centimetri non escludono capacità importanti nell'andare velocemente a terra e nei riflessi, tra le caratteristiche principali di Maximiano che, come la maggior parte dei portieri di nuova generazione, non disdegna la fase di impostazione con i piedi. In Liga primeggia e con 107 parate in 30 gare è il portiere che ha respinto, bloccato o deviato più tiri di tutti in questa stagione con una percentuale di 3.57 parate a partita.


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit