Roma

Chi è Danilo Pereira: profilo, caratteristiche e cosa potrebbe dare alla Roma

Giovanni Benvenuto
Danilo Pereira
Danilo Pereira / Alex Grimm/GettyImages
facebooktwitterreddit

Dopo gli arrivi di Maitland-Niles e Sergio Oliveira la Roma continua a lavorare in questo mercato invernale. La priorità sarebbe quella di rinforzare ulteriormente la mediana, con un altro centrocampista che possa incastrarsi bene nel mosaico tattico di Mourinho. Il nome in cima alla wishlist di Tiago Pinto sarebbe quello di Granit Xhaka (attualmente all'Arsenal) ma stando alle ultime indiscrezioni potrebbe essere anche Danilo Pereira l'innesto tanto desiderato.

La storia e la carriera di Danilo Pereira

Cresciuto nelle giovanili del Benfica viene acquistato dal Parma nell'estate 2010 a parametro zero. Nel club crociato però non gioca subito così viene mandato in prestito all'Aris Salonicco, dove debutta nel campionato greco inanellando 5 presenze e due gol. Nella stagione successiva torna al Parma facendo il suo esordio in Serie A nel 2012 nella sconfitta roboante del club ducale contro l'Inter per 5-0. Successivamente - sempre a giugno di quell'anno - viene ceduto nuovamente in prestito al Roda JC, per poi essere acquistato l'anno successivo a titolo definitivo dal Maritimo.

Nel 2015 arriva la chiamata del Porto, e con i Dragoes riesce a giocare con continuità diventando uno dei punti fermi dell'undici titolare e ottenendo anche la fascia di capitano. Nell'estate del 2020 si trasferisce poi al Psg con la formula del prestito con diritto di riscatto fissato a 20 milioni. L'anno dopo i parigini si aggiudicano le sue prestazioni per 16 milioni.



FBL-FRA-LIGUE1-RENNES-PSG
Danilo Pereira / FRED TANNEAU/GettyImages

Cosa può dare alla Roma

Di solito gioca davanti alla difesa, a tratti ha fatto anche il regista, che poi è il ruolo che sta cercando Mou per migliorare la sua Roma e irrobustire ulteriormente il centrocampo. Ma Danilo Pereira non è un vero e proprio metodista, il meglio lo dà quando da centrale ha compiti da mediano incontrista. Se c’è ovviamente da comandare il gioco si presta e lo sa fare, anche se nelle sue capacità c'è sicuramente la stazza che usa a suo vantaggio per recuperare palla.

Soprannominato O novo Vieira ("il nuovo Vieira" in italiano) per via della sua fisicità e per la concentrazione nell'arco dei 90 minuti, è molto abile nei passaggi e nei contrasti. Potrebbe collocarsi bene in un 4-2-3-1 o in un 3-4-1-2 creando assieme al trio difensivo una vera e propria diga. Danilo è stato offerto alla Roma, e chissà se sarà proprio lui il regalo di Pinto a Mou.


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit