Milan

Chi è Chancel Mbemba: carriera e caratteristiche del nuovo obiettivo del Milan

Andrea Gigante
Chancel Mbemba
Chancel Mbemba / Quality Sport Images/GettyImages
facebooktwitterreddit

Prosegue la ricerca di un difensore da parte del Milan. Nonostante il recupero di Romagnoli e il rientro sempre più imminente di Tomori, i rossoneri vogliono rinforzare la rosa di Stefano Pioli con un innesto di spessore.

I nomi più seguiti sono quelli di Botman del Lille, Bailly del Manchester United e Diallo del Borussia Dortmund: tutti giocatori che, per un motivo o per l'altro, rimangono piste difficili da percorrere. Per questo nelle ultime ore è diventata forte la candidatura di Chancel Mbemba, centrale del Porto in scadenza a giugno.

A rivelare la notizia è stato il quotidiano A Bola secondo cui i rossoneri hanno pensato al congolese come possibile rinforzo low cost. Andiamo allora a conoscere meglio Mbemba, soffermandoci sulla sua carriera e sulle sue caratteristiche tecniche.

Dai primi (burrascosi) passi all'arrivo al Porto

Chancel Mbemba
Chancel Mbemba / Jonathan Moscrop/GettyImages

Dopo aver giocato per diversi club in Congo, nel 2011 Mbemba si trasferisce in Europa, dove entra a far parte del prestigioso settore giovanile dell'Anderlecht. Tuttavia, i primi anni di vita sono avvolti nel mistero. Nel 2013 è stato infatti indagato dalla FIFA in quanto in possesso di tre passaporti: il primo con data di nascita 8 agosto 1988 e risalente al periodo in cui militava nelle squadre congolesi del E.S. La Grace (squadra che prima ha sporto denuncia e poi l'ha ritirata), dello Mputu e dell'MK Etanchetéitéas; il secondo è datato 30 novembre 1991 ed è in possesso della Federcalcio del Congo; mentre l'ultimo passaporto, quello a disposizione dell'Anderlecht lo dichiara nato l'8 agosto 1994.

Risolta (o forse insabbiata) questa vicissitudine, Chancel Mbemba ha l'occasione di esordire con il club belga, dove darà il suo contributo alla vittoria della Pro League segnando 5 gol. Dopo appena un anno e mezzo, il congolese non resiste al fascino delle sirene della Premier e si trasferisce al Newcastle per 12 milioni di euro. Gioca con i Magpies per tre stagioni, vivendo sia la delusione per la retrocessione sia la gioia per il ritorno in massima serie.

Nell'estate del 2018 si trasferisce in Portogallo, al Porto, dove vincerà il campionato nella l'anno seguente. Mbemba è entrato nel cuore dei tifosi con una doppietta che ha regalato ai Dragoes la vittoria in finale di Coppa di Portogallo contro gli acerrimi rivali del Benfica.

Adesso però la sua esperienza con il Porto sembra terminata. Il club biancoceleste non intende rinnovargli il contratto perché non sa di preciso quanti anni abbia e non vuole scommettere su un giocatore che potrebbe essere molto più vecchio di quanto riportino i suoi documenti.

Caratteristiche tecniche di Chancel Mbemba

Antonio Xavier, Chancel Mbemba
Chancel Mbemba / Gualter Fatia/GettyImages

Grazie alla sua stazza imponente, la qualità migliore di Chancel Mbemba è sicuramente la forza fisica. Quando ha a che fare con attaccanti più tecnici e rapidi, preferisce spostare sempre il confronto sul corpo a corpo, dove riesce sempre ad avere la meglio.

Mostra evidenti limiti in termini di velocità ed è per questo che non è adatto per una difesa che gioca molto alta. Se dovesse ritrovarsi a inseguire un avversario, molto probabilmente verrebbe bruciato nello scatto.

Mbemba non è eccezionale nemmeno sul piano tecnico, è ben lontano dall'essere un "difensore moderno" capace di far partire l'azione dal basso. Si limita a dare la palla al compagno smarcato più vicino.

Nonostante questi due evidenti deficit, il congolese può contare su un tempismo nel gioco aereo impeccabile. In carriera ha segnato circa una decina di reti, ma tutte sono arrivate su calcio piazzato, dove riesce a sopraffare i difensori avversari con la sua possanza e a incornare di testa.

Come può essere utile a Stefano Pioli?

Rafael Leao, Chancel Mbemba
Mbemba a San Siro contro i rossoneri / Eurasia Sport Images/GettyImages

Vista la lunga lista di obiettivi, non è detto che sia Chancel Mbemba il designato per rinforzare la difesa del Milan. Anzi, abbiamo detto che Maldini e Massara stanno seguendo diversi profili e che quindi il congolese potrebbe essere il piano B (se non addirittura C).

Dato che il mercato agisce secondo vie oscure, bisogna però preventivare un suo sbarco a Milano e provare a immaginare come possa aiutare la causa dei rossoneri. Abbiamo detto che Mbemba non è adatto alle linee troppo alte, quindi nel sistema di Pioli potrebbe trovarsi a disagio. Tuttavia, a sopperire la sua lentezza potrebbe pensarci Tomori che invece della velocità ci ha fatto il proprio manifesto.

Tra lui e l'inglese si potrebbe creare così una coppia ben assortita, dove Mbemba sarebbe il centrale fisico e ruvido, mentre Tomori quello rapido e aggraziato. Però lo stesso discorso non vale con Romagnoli che con il difensore del porto condivide diverse caratteristiche.

A conti fatti, non ce la sentiamo di affermare che Chancel Mbemba possa veramente migliorare l'attuale rosa del Milan. Se la dirigenza decidesse di puntare su di lui, lo farebbe solo per garantire a Pioli un buon panchinaro, niente di più.


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit