Che fine ha fatto Esposito? Tra rinnovo e cessione l'Inter chiarisce la sua posizione

Alessandro Sabattini/Getty Images

Sebastiano Esposito è uno dei nomi che di sicuro hanno caratterizzato di più la prima parte di stagione dell'Inter. Il talentino classe 2002, esploso nel settore giovanile nerazzurro, era diventato la prima alternativa al tandem d'attacco Lukaku-Lautaro, tanto che l'impatto del suo ingresso nella gara di Champions con il Borussia e il primo gol in Serie A con il Genoa (su rigore gentilmente offerto da Lukaku), avevano fatto pensare all'ingresso quasi in pianta stabile nella formazione titolare di Antonio Conte.

Sebastiano Esposito
FC Internazionale v Genoa CFC - Serie A | MB Media/Getty Images

Ma da gennaio in poi Esposito è sparito dai radar, inghiottito dalla panchina. Si dice che alla base della scelta ci siano problemi di natura contrattuale, con il giovane attaccante che ha rifiutato il rinnovo di contratto per un ingaggio giudicato troppo basso. Ma nulla di tutto questo, per due motivi. Il primo: Conte avrebbe comunque puntato su Alexis Sanchez, se non si fosse infortunato a più riprese, visto che è arrivato proprio come alternativa ai titolari. Secondo, a nemmeno 18 anni, non c'è fretta: dall'Inter trapela come il club creda fermamente nel talento di Esposito e sia sempre convinto di volerlo blindare con un contratto fino al 2025.

Segui 90min su FacebookInstagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo dell'Inter e della Serie A!