Mauro Icardi

Che fine farà Mauro Icardi?

Lorenzo Mariantoni
Mauro Icardi, Paris Saint Germain
Mauro Icardi, Paris Saint Germain / Xavier Laine/GettyImages
facebooktwitterreddit

La rottura con la moglie Wanda Nara sta condizionando pesantemente Mauro Icardi. L'ultimo capitolo? L'argentino ex Inter non è sceso in campo (e non era presente neanche in panchina) con il Paris Saint-Germain, in occasione della sfida casalinga di Champions League contro il Lipsia.

Partita vinta dai parigini con le reti di Mbappè e la doppietta della Pulga.

"Errare è umano, perdonare è divino"

Mauro Icardi, Wanda Nara
La famiglia Icardi / Jean Catuffe/GettyImages

Proprio così l'ultimo aggiornamento social della coppia più chiacchierata al momento sono delle scuse che, forse, la moglie/agente Wanda Nara sembra aver accolto.

Nelle ultime settimane le vicende extra campo hanno tenuto banco a casa Icardi e sembrano aver preso il sopravvento nei pensieri dell'attaccante argentino.

Come riportato dai quotidiani francesi, il giocatore ha avuto due giorni di permesso per recarsi a Milano, è rimasto sempre in contatto con i suoi dirigenti ed è tornato ieri a Parigi. Rientrato in gruppo, Icardi ha però espresso ai dirigenti il suo malessere psicologico per la separazione dalla moglie e la società, come detto, ha deciso di non impiegarlo in Champions League.

L'esperienza al Paris Saint-Germain

Negli ultimi quattro giorni sembra essersi rovesciato il mondo Icardiano. Rimanendo in temi prettamente calcistici, il gossip non fa per noi. Icardi si è trasferito a Parigi prima in prestito in extremis nell'estate 2019, con successivo riscatto parigino nell'estate successiva quando il PSG versò nelle casse nerazzurre circa 57 milioni di euro.

Da lì è iniziata la storia d'amore con il club francese e in queste due stagioni il ragazzo di Rosario ha messo in cassaforte 73 presenze e 36 reti segnate. Niente male comunque per un attaccante del PSG che si trova a dover condividere lo spogliatoio e il reparto d'attacco con calciatori del calibro di Neymar e Mbappè (da quest'anno anche Messi), giusto per citarne qualcuno.

Con Pochettino il classe '93 ha fatto il passo in avanti divenendo non solo un goleador ma anche un calciatore che sa difendere la palla per far salire la squadra e provando a collaborare di più in fase di costruzione.

La sensazione è quella che l'attaccante debba ancora trovare la sua dimensione definitiva perché le qualità sono importanti e sotto gli occhi di tutti i tifosi, però l'atteggiamento che ha il ragazzo non sempre si sposa con le aspettative delle tifoserie. Questo è stato il suo tallone d'achille fin dalle giovanili nel Barcellona.

A chi potrebbe far comodo, in Italia, un giocatore come Icardi?

In Italia due piazze lo stimano molto: la Milano rossonera, alle prese con le decisioni di Ibrahimovic riguardanti il suo futuro, e la Mole bianconera che vorrebbe regalare un attaccante di calibro internazionale ai suoi tifosi, dopo l'addio di CR7.

L'ipotesi Milan non farebbe male all'argentino che per il tipo di gioco di Pioli sarebbe il centravanti perfetto. Ottimo realizzatore e all'occorrenza - considerando la crescita avvenuta al PSG - anche uomo di sponda per far salire la squadra.

Resta da capire se avrà la forza di tornare a Milano, seppur nella sponda opposta, dopo il ricordo non eccezionale (almeno per le cause dell'addio) che ha lasciato tra i tifosi nerazzurri. Al Milan troverebbe in Theo Hernandez e Saelemaekers due giocatori pronti a dargli i rifornimenti necessari per segnare con regolarità.

Poi troviamo l'ipotesi Juve, quella che probabilmente convince maggiormente Icardi, visto che si ritroverebbe catapultato in una nuova città, un nuovo ambiente e in una società che da anni lo corteggia.

Sicuramente l'eredità dell'ex numero 7 bianconero è pesante, ma Allegri saprebbe sicuramente tenere a freno i bollenti spiriti di Icardi. Dal punto di visto calcistico la Juventus ha bisogno di un centravanti puro e in rosa non ha un elemento con le caratteristiche dell'argentino.

A Mauro Icardi la scelta: le vie dell'amore sono infinite, così come quelle del calcio. Non resta che attendere di capire quale strada deciderà di percorrere l'attuale attaccante del Paris Saint-Germain.


Segui 90min su Twitch.

facebooktwitterreddit