Caso Suarez: sapeva le domande, firmato un pre-contratto con la Juve. Nuovo retroscena sui bianconeri

Antonio Parrotto
FBL-ESP-LIGA-ATLETICO-VALLADOLID
FBL-ESP-LIGA-ATLETICO-VALLADOLID / PIERRE-PHILIPPE MARCOU/Getty Images
facebooktwitterreddit

Luis Suarez è stato ascoltato come persona informata dei fatti nel caso che riguarda l'esame farsa del giocatore uruguagio. Luis Suarez è stato ascoltato dal procuratore capo Cantone e dai pm Abbritti e Mocetti. Il giocatore ha parlato in spagnolo, nessuna frase in italiano e ha messo di aver ricevuto una mail dall'Università di Perugia con esercizi che poi erano gli stessi dell'esame.

Emerge inoltre, tramite il Corriere dell'Umbria, come Suarez sarebbe stato avvertito due giorni prima della prova che, a prescindere dall'esame, la Juve non avrebbe affondato il colpo. Nonostante - per il quotidiano - il 28-29 agosto, l'uruguaiano avesse firmato un contratto preliminare con i bianconeri. 

Luis Suarez
Luis Suarez / Gonzalo Arroyo Moreno/Getty Images

C'è anche un'altra novità svelata dalla Gazzetta dello Sport. Da un colloquio tra la la professoressa Spina e il marito. La prof., tifosa della Juventus, si è dichiarata "sotto shock" poiché Suarez nell'ultima lezione via Teams gli ha fatto capire che non avrebbe firmato per i bianconeri: "Mi ha detto che Paratici lo ha chiamato stamattina e gli ha detto che per fare la cittadinanza ci vuole un mese. Che la Juventus si accorga oggi che per fare la cittadinanza ci vuole un mese, mi sembra poco credibile e quindi Paratici gli ha proposto di aspettare sei mesi e poi di rientrare in Champions tra sei mesi. Lui però vuole giocare la Champions perché ha 33 anni (...) e ha detto che forse cerca un’altra squadra". In sostanza Paratici (o comunque la dirigenza bianconera) gli avrebbe chiesto di restare a Barcellona fino a gennaio, per poi firmare con la Juve.


Segui 90min su FacebookInstagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Juventus e della Serie A.

facebooktwitterreddit