Serie A

Caso plusvalenze: prosciolti tutti i club e i dirigenti deferiti

Giovanni Benvenuto
La dirigenza della Juve
La dirigenza della Juve / Marco Canoniero/GettyImages
facebooktwitterreddit

E' arrivata la sentenza di primo grado sul caso plusvalenze, dopo il processo da parte del Tribunale Federale. La Procura Federale aveva chiesto 12 mesi per il presidente della Juve Andrea Agnelli e 11 mesi e 5 giorni per quello del Napoli Aurelio De Laurentiis. Invece sono stati tutti prosciolti, non accolta dunque la richiesta da parte del procuratore Chinè. Non solo: prosciolti anche gli 11 club coinvolti. Ecco quanto si legge dal comunicato del tribunale federale:

"Processo plusvalenze: prosciolti tutti i club e i dirigenti deferiti"

TRIBUNALE FEDERALE
"Le società erano state deferite per avere contabilizzato nelle relazioni finanziarie plusvalenze e diritti alle prestazioni dei calciatori per valori eccedenti a quelli consentiti dai principi contabili Il Tribunale Federale Nazionale presieduto da Carlo Sica ha prosciolto tutte le società, i dirigenti e gli amministratori dei club che erano stati deferiti dalla Procura Federale per avere contabilizzato nelle relazioni finanziarie plusvalenze e diritti alle prestazioni dei calciatori per valori eccedenti a quelli consentiti dai principi contabili. Le motivazioni saranno rese note nei prossimi giorni".

Di seguito anche il dispositivo integrale del Tribunale FIGC in merito alla sentenza sul processo plusvalenze:

ITALY-FBL-ITA-FIGC-WC-2018
Il logo della FIGC / TIZIANA FABI/GettyImages

"IL TRIBUNALE FEDERALE NAZIONALE SEZIONE DISCIPLINARE
composto dai Sigg.ri:
Carlo Sica – Presidente relatore
Giuseppe Rotondo – Vice Presidente relatore
Giammaria Camici – Componente relatore
Amedeo Citarella – Componente relatore
Roberto Pellegrini – Componente relatore
Carlo Purificato – Componente aggiunto relatore
Luca Voglino – Componente aggiunto relatore
Paolo Fabricatore – Rappresentante AIA
Ha pronunciato, decidendo all’esito dell’udienza tenutasi nei giorni 12, 14 e 15 aprile 2022, sul deferimento proposto dal Procuratore Federale n. 7506/233 pf21-22/GC/GR/blp del 1 aprile 2022 nei confronti dei sigg.ri Fabio Paratici, Federico Cherubini, Andrea Agnelli, Pavel Nedved, Enrico Vellano, Paolo Garimberti, Assia Grazioli-Venier, Maurizio Arrivabene, Caitlin Mary Hughes, Daniela Marilungo, Francesco Roncaglio, Massimo Ienca, Massimo Ferrero, Antonio Romei, Paolo Fiorentino, Paolo Repetto, Adolfo Praga, Gianluca Tognozzi, Giovanni Invernizzi, Giuseppe Profiti, Enrico Castanini, Gianluca Vidal, Aurelio De Laurentiis, Jacqueline Marie Baudit, Edoardo De Laurentiis, Valentina De Laurentiis, Andrea Chiavelli, Franco Smerieri, Anita Angiolini, Paolo Pinciroli, Enrico Preziosi, Giovanni Blondet, Alessandro Zarbano, Diodato Abagnara, Luca Carra, Marco Ferrari, Pietro Pizzarotti, Giacomo Malmesi, Paolo Piva, Marco Tarantino, Giovanni Corrado, Giuseppe Corrado, Raffaella Viscardi, Julie Michelle Harper, Alexander Knaster, Marco Lippi, Mirko Paletti, Giovanni Polvani, Stuart Grant Thomson, Stephen Gauci, Pietro Accardi, Francesco Ghelfi, Fabrizio Corsi, Rebecca Corsi, Luca Campedelli, Giuseppe Campedelli, Daniele Sebastiani, Gabriele Bankowki, Roberto Druda e delle società FC Juventus Spa, UC Sampdoria Spa, SSC Napoli Spa, FC Pro Vercelli 1892 Srl, Genoa CFC Spa, Parma Calcio 1913 Srl, Pisa Sporting Club Srl, Empoli FC Spa, AC Chievo Verona Srl, Novara Calcio Spa e Delfino Pescara 1936 Spa, il seguenteDISPOSITIVOP.Q.M.Il Tribunale Federale Nazionale – Sezione Disciplinare, definitivamente pronunciando, proscioglie i deferiti. Così deciso nella Camera di consiglio del 15 aprile 2022 tenuta in modalità videoconferenza, come da Decreto del Presidente del Tribunale Federale Nazionale n. 1 del 1° luglio 2021".


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit