Juventus

Capello: "Juve favorita per lo Scudetto. Ronaldo sia trattato come Ranocchia, Dybala deve dare un segnale"

Niccolò Mariotto
Fabio Capello
Fabio Capello / VASILY MAXIMOV/Getty Images
facebooktwitterreddit

A poche ore dal match d'esordio in campionato della nuova Juventus di Max Allegri sul campo dell'Udinese, l'ex allenatore dei bianconeri Fabio Capello ha parlato di CR7 e compagni in un'intervista a La Gazzetta dello Sport.

Juventus
Juventus / Daniele Badolato - Juventus FC/Getty Images

ALLEGRI - "In lui vedo una persona che non fa voli pindarici. Se sei alla guida di un gruppo non devi seguire le mode ma adattare il modulo ai giocatori. La scelta di tornare alla Juve non è un tornare nella comfort zone ma al contrario adesso è lui che si prende tutte le responsabilità".

RONALDO - "Con i giocatori bisogna parlare chiaro e spiegare dove si vuole arrivare, serve chiarezza con tutti: dai ragazzi ai campioni. Cristiano va trattato come Ranocchia, per esempio. Ma deve essere anche lui a comportarsi allo stesso modo di un ragazzo dell'Under 23. Se agiscono tutti alla stessa maniera ci sarà rispetto".

DYBALA - "Ha tutto per essere un campione ma guardate Insigne: era bravo col pallone tra i piedi, poi qualcuno gli ha detto di iniziare a correre e lui ha lavorato per la squadra. Dybala deve fare qualcosa in più a livello di dinamismo, ora deve dare un segnale. Ricorda la mia battaglia con Savicevic: è andata avanti per sei mesi, poi abbiamo trovato un accordo e i compagni hanno iniziato a lavorare per lui".

LOCATELLI - "È un ottimo acquisto ma la Juve era già una grande squadra senza di lui. Tutti i discorsi sono molto semplici e i giocatori hanno la convinzione che dà l’allenatore".

CHIELLINI - "Vorrei sempre dei leader come lui, i leader non sono quei giocatori che parlano molto in TV. Tutti quei ritorni? La Juve ha ripreso le basi che davano concretezza e sicurezza. Non voli pindarici".

DE LIGT - "Mi piacerebbe rivedere la leadership che aveva all’Ajax. Alla Juve si è vista poco".

LOTTA SCUDETTO - "La Juve è la squadra favorita ma penso che sarà un campionato equilibrato. Nonostante l'addio di Conte per me l'Inter era ancora in pole ma la cessione di Lukaku ha cambiato tutto".


Segui 90min su Telegram per rimanere aggiornato su tutte le ultime novità di Serie A.

facebooktwitterreddit