Calciomercato Serie A

Roma e Milan su Azmoun a parametro zero: derby di mercato già a gennaio?

Omar Abo Arab
Sardar Azmoun
Sardar Azmoun / Amin Mohammad Jamali/Getty Images
facebooktwitterreddit

A poco più di una settimana dalla "campanella" restano ancora strascichi in uscita per il mercato della Roma. Saltate l'operazioni Steven Nzonzi, che non ha trovato l'accordo economico con i qatarioti dell'Al Rayyan, e Amadou Diawara, che ha rifiutato tutti i rilanci del Galatasaray per giocarsi le sue chance con Josè Mourinho, almeno fino a gennaio.

Denis Zakaria, Michael Smith
Zakaria in azione con la Svizzera / Charles McQuillan/Getty Images

E proprio la sessione di mercato invernale, spiega l'edizione odierna del Corriere dello Sport, potrebbe diventare caldissima per una Roma sempre alla ricerca di un regista di centrocampo. Una pedina che avrebbe fatto comodissimo a Mourinho e che non è arrivata a causa della mancata cessione, appunto, di quasi tutti gli esuberi. Ad ogni modo Tiago Pinto non si è fermato ed ha continuato a lavorare in ottica gennaio, quando anche Davide Santon e Federico Fazio andranno a scadenza e alleggeriranno il monte ingaggi giallorosso.

Club Brugge KV v Zenit St. Petersburg: Group F - UEFA Champions League
Sardar Azmoun / Sylvain Lefevre/Getty Images

Stessa situazione contrattuale di Denis Zakaria, centrocampista in forza al Borussia Monchengladbach, e Sardar Azmoun, attaccante dello Zenit San Pietroburgo. Lo svizzero e l'iraniano non hanno intenzione di rinnovare il loro contratto e potrebbero arrivare nella Capitale, sponda Roma, addirittura a gennaio. A patto che venga snellito il monte ingaggi con la cessione degli esuberi, altrimenti se ne riparlerà a giugno. Su Azmoun, però, si registra anche la concorrenza del Milan. L'iraniano sarebbe una pedina perfetta nel 4-2-3-1 di Stefano Pioli che potrebbe utilizzarlo in tutti i ruoli dell'attacco, all'occasione anche da centravanti.


Segui 90min su Telegram per rimanere aggiornato su tutte le ultime novità di Serie A.

facebooktwitterreddit