Gianluigi Buffon

Buffon: "Di Maria il più forte della Serie A. Dybala? Speravo non andasse all'Inter"

Stefano Bertocchi
Gigi Buffon
Gigi Buffon / Maurizio Lagana/GettyImages
facebooktwitterreddit

"Personalmente spero che quest'annata sia come l’ultima, almeno fino a febbraio. Vorrei mantenere lo stesso livello per undici mesi. Per la squadra, invece, deve essere la stagione del riscatto. Al di là del vincere o arrivare secondi o terzi, la cosa principale deve essere quella di dimostrare di essere squadra. Lo scorso anno in molte occasioni davamo segnali di non esserlo e non esiste niente di peggio. Dobbiamo tornare a competere". È uno dei passaggi della lunga intervista concessa oggi da Gigi Buffon ai microfoni di Tuttosport.

Gianluigi Buffon
Gigi Buffon / Marco Luzzani/GettyImages

LA JUVE DI ALLEGRI - "Nessuno meglio di lui sa interpretare ciò che la gente si aspetta dalla squadra. E nessuno meglio di Max sa come parlare, anche pubblicamente. Se Allegri dice così è perché probabilmente vuole aumentare il tasso di concentrazione in tutti, giocatori compresi. Fin dalla prima partita la Juventus deve essere protagonista. Allegri conosce perfettamente l’ambiente Juve, dove si passa al massimo un anno da non protagonista. La società si è mossa molto bene e ha costruito una squadra che rispecchia anche di più le caratteristiche dell’allenatore. Sono convinto che Allegri riuscirà a farla rendere meglio e renderà meglio anche lui".

DI MARIA -"Angel è uno di quei giocatori che hanno avuto la “sfortuna” di far parte di squadre fortissime, composte da tanti campioni. E lui, essendo meno mediatico rispetto ad altri, ne è uscito penalizzato. Ma ce ne sono tanti di esempi così nel calcio. Mi viene in mente Barzagli, uno straordinario difensore reclamizzato meno di altri. Alcuni grandi non sono stati celebrati quanto avrebbero meritato. È il più forte giocatore della prossima Serie A".

PAREDES - "Sì, lo vedrei bene nella Juventus. Leandro, oltre che affidabilissimo, è abituato a giocare e a stare in squadre di livello. Può dare una mano". 

POGBA - "Mi dispiace per il grande Paul, che ha fatto una scelta giustissima tornando a Torino. Per lui la Juventus è speciale come squadra e come ambiente. Pogba, quando si riprenderà, sarà un avatar in Serie A". 

DYBALA -"Paulo aveva il diritto di scegliere dopo l’addio a parametro zero alla Juventus. Quando nelle scorse settimane ho visto che Dybala sarebbe potuto andare all’Inter, alla Roma o al Napoli ho sperato che scegliesse una delle ultime due. Lo speravo per la sua carriera. Paulo aveva bisogno di uno choc emotivo ed ero convinto che soltanto Roma e Napoli glielo avrebbero potuto dare". 

DE LIGT E BREMER - "Mi dispiace vedere De Ligt via dalla Juventus perché Matthijs era il classico giocatore e capitan futuro da Juve per bravura, qualità e carattere. Peccato, però se è stata una sua volontà: amen. Bremer è reduce da un campionato strepitoso, nel quale è stato eletto miglior difensore della Serie A. Il salto alla Juve è grande e magari un po’ di dazio lo pagherà. È successo anche a De Ligt all’inizio. Ma le potenzialità di Bremer non sono in discussione". 


Segui 90min su Youtube.

facebooktwitterreddit