Storie di calcio

Il Boxing Day: la magia di uno degli appuntamenti più amati in Premier League

Mattia Gruppioni
MAN UTD-HUDDERSFIELD
MAN UTD-HUDDERSFIELD / OLI SCARFF/Getty Images
facebooktwitterreddit

Per tutti gli appassionati di football, il cosiddetto Boxing Day rappresenta una vera e propria ricorrenza, nonché una manna dal cielo durante le festività natalizie caratterizzati da grandi pranzi e cene in famiglia. Si tratta di un unico, raro, ma ricorrente e puntuale appuntamento del calcio inglese, che cade il 26 Dicembre, il giorno di Santo Stefano. Ma perchè proprio Boxing Day?

 Premier League
Premier League / John Early/Getty Images

L'origine del nome risale a quando si era soliti regalare, il giorno di Santo Stefano, appunto, doni o pensieri ai propri dipendenti o alle classi sociali più povere, il tutto contenuto all'interno di scatole (box, in inglese). Tuttavia, col passare degli anni, il 26 Dicembre iniziò ad essere il giorno in cui gli stessi lavoratori dedicavano il proprio tempo al gioco del calcio, sfidandosi a livello amatoriale e poi, a partire dal 1888, in seguito alla nascita della First Division ( attuale Premier League), anche a livello professionistico. La prima partita ufficiale nella storia del calcio inglese venne disputata proprio nel giorno del Boxing Day e vide contrapporsi lo Sheffield FC e l'Hallam FC, nel 1860, quando i padroni di casa si imposero per 2-0.

Il giorno di Santo Stefano divenne sempre più giornata calcistica di culto e tradizione; anzi, in origine si era soliti giocare i match in un doppio confronto di andata e ritorno il 25 ed il 26 Dicembre, ma col passare degli anni il calcio perse appeal durante il giorno di Natale, verificandosi disordini pubblici ed essendoci la preferenza, da parte di chi scendeva in campo, a trascorrere il Natale tra le mura domestiche e la famiglia.

Nel 1888, inoltre, la prima giornata della prima edizione del campionato inglese (First Division) cadde proprio il giorno di Santo Stefano, sfidandosi Preston North End e Derby County (5-0), dando vita ad una vera e propria tradizione del calcio britannico. Il Boxing Day, infatti, racchiude un intero turno di Premier League, in cui tutte le squadre si sfidano, partendo dall'orario di pranzo sino alla sera, in dieci match particolarmente significativi in quanto, da questo momento, molte squadre tracciano un primo quadro della stagione. Si tratta di un evento unico, perché appartenente solo all'Inghilterra, che non si ferma e prosegue nei propri campionati maggiori e minori di calcio, rugby e cricket, mentre tutti gli altri Paesi effettuano la classica sosta natalizia per celebrare le feste.

TRADITIONAL BOXING DAY COMIC FOOTBALL MATCH
TRADITIONAL BOXING DAY COMIC FOOTBALL MATCH / Hulton Archive/Getty Images

In Inghilterra, però, si può comunque parlare di festa. Il Boxing Day non solo regala emozioni, calcio e spettacolo durante un periodo dell'anno in cui lo sport è meno praticato, ma può far vivere un'intera giornata all'insegna di grandi gol, risultati per nulla scontati e spesso, anzi, rocamboleschi: difficile, infatti, dimenticare il turno di campionato del Boxing Day in generale, figuriamoci se questo è simile a quello del 1963.

Quell'anno furono segnati ben 66 gol in 10 partite, numeri da capogiro e da spalancare gli occhi, che probabilmente non si vedranno più: il Fulham sconfisse l'Ipswich Town per 10-1, grazie alla tripletta più veloce nella storia della Premier League, messa a segno da Graham Leggat, mentre, continuando, il Blackburn Rovers, capolista, sconfisse il West Ham fuori casa ed il Liverpool, che vincerà la Premier, dominò lo Stoke City per 6-1. Con lo stesso punteggio una squadra blasonata come il Manchester United perse in casa contro il Burnley ed il Chelsea archiviò la pratica Blackpool già a fine primo tempo.

Tutto il repertorio del calcio inglese, quindi, costituito da orgoglio e senso di appartenenza, si esalta durante le feste. Tra le altre partite storiche disputate durante il giorno di Santo Stefano, si ricorda il romantico 4-4 tra Derby County e Manchester United del 1970, reso indimenticabile dalle neve che scende, nonché il sentitissimo derby tra Sheffield e Wednesday United, avvenuto il 26 Dicembre 1979 e conclusosi con un perentorio 0-4 in favore degli ospiti. Tale partita venne poi ribattezzata "The Boxing Day Massacre" e fu anche una delle prime occasioni in cui si videro due squadre scendere assieme sul terreno di gioco.

Chelsea v Aston Villa - Premier League
Chelsea v Aston Villa - Premier League / Ian Walton/Getty Images

Nel 1999 furono due le partite cardine dell'edizione natalizia della Premier League: un banalissimo Chelsea-Southampton, terminato 2-1, ma passato alla storia perchè il Chelsea, poi vincitore della competizione, schierò una formazione di soli giocatori stranieri. Dall'altra parte, invece, il modesto Coventry City battè l'Arsenal, in corsa per il titolo, grazie al gol del celebre Robbie Keane. Avvicinandoci ai giorni nostri, quello del 2003 fu un Boxing Day nefasto per l'italiano Claudio Ranieri, che dopo la sconfitta contro il Charlton di Paolo Di Canio (due assist), non riuscì a salvare la panchina, mentre nel 2007 i Blues tornano protagonisti.

A Stamford Bridge va in scena un Chelsea-Aston Villa che vede gli ospiti prima andare sul doppio vantaggio e poi rimanere in dieci per l'espulsione di Knight: Shevchenko fa doppietta in pochi minuti, il difensore Alex regala addirittura il 3-2 ai padroni di casa, che subiscono poco dopo il gol del pari. Sembra tutto ormai finito, ma Ricardo Carvalho riapre il discorso. Il difensore portoghese viene espulso, Ballack fa 4-3 ma all'ultimo respiro Ashley Cole "para" un tiro dei Villains, facendosi cacciare e concedendo il penalty, non sbagliato da Barry.

Manchester United v Newcastle United - Premier League
Manchester United v Newcastle United - Premier League / Clive Brunskill/Getty Images

Nostalgico è, infine, il capolavoro messo a referto dal Manchester United nel 2012, nell'ultimo anno di Alex Ferguson sulla panchina dei Red Devils: quella stagione, lo United recupererà 29 degli 89 punti finali da situazioni di svantaggio e la partita contro il Newcastle del Boxing Day non fa eccezione: i Magpies vanno un vantaggio per ben tre volte, ma si fan raggiungere grazie alle reti del Chicharito Hernandez, nonchè al gol del 4-3 finale siglato da Michael Carrick. Sarà il tredicesimo titolo per Sir Alex Ferguson sulla panchina di Manchester.

Nel corso della storia, quindi, il Regno Unito ha giocato e vinto, evidentemente, una delle partite più importanti ed improbabili della storia del calcio: rendere il giorno di Santo Stefano, il cosiddetto Boxing Day, ricorrenza e tappa fissa, per gli amanti del calcio e non solo, per coloro che, durante le festività, provano nostalgia verso lo sport più bello al mondo. Il turno di Premier League di questo giorno, tanto particolare quanto quotidiano ormai, ha da sempre riservato, e ve l'abbiamo in qualche modo raccontato, grandi emozioni, larghe vittorie, incredibili rimonte e più di qualche gol importante.


Segui 90min su Twitch.

facebooktwitterreddit