Juventus

Benfica-Juventus 4-3, le pagelle bianconere: disastro Bonucci, poche luci a Lisbona

Alessio Eremita
Leonardo Bonucci
Leonardo Bonucci / Soccrates Images/GettyImages
facebooktwitterreddit

Le pagelle della Juventus al termine del match perso contro il Benfica, in occasione della quinta giornata della fase a gironi di Champions League.

SZCZESNY 6 - Incolpevole sui gol subiti, compie qualche parata che evita un passivo peggiore

DANILO 5 - Rischia il cartellino rosso, intorno all'ora di gioco, per un brutto fallo ai danni di Aursnes. Viene graziato dall'arbitro, a punirlo ci pensa il Benfica.

BONUCCI 4 - Una serie di errori imperdonabili per uno della sua esperienza. Il capitano bianconero sbaglia la marcatura a zona sul secondo e terzo gol del Benfica, poi regala il poker lusitano con un passaggio da brividi in fase di disimpegno (dal 60' Alex Sandro 6 - Entra in campo e si lascia già superare, cresce col trascorrere dei minuti).

GATTI 4,5 - Si perde Antonio Silva sul colpo di testa e Rafa Silva in occasione del 3-1, con la compartecipazione di Bonucci. Gioca comunque meglio del compagno di reparto.

CUADRADO 4 - Più croce che delizia. Batte il cross per il momentaneo pareggio di Vlahovic, ma rovina tutto pochi minuti più tardi concedendo un rigore al Benfica (dal 60' Miretti 6 - Dà freschezza al centrocampo).

MCKENNIE 6 - Soffre la pressione dei centrocampisti avversari e fa tanto lavoro sporco. Realizza inaspettatamente il terzo gol che riaccende le speranze bianconere.

LOCATELLI 5,5 - Nervoso per tutti i novanta minuti, sente la pressione di una partita decisiva. Serata no anche per lui.

RABIOT 5 - La Juve vuole sfruttare l'ottimo stato di forma del francese, che però non si impone come dovrebbe all'Estadio da Luz.

KOSTIC 6 - È una spina nel fianco destro degli avversari. La fascia è di sua proprietà, tanti i cross precisi e insidiosi offerti per gli attaccanti (dal 70' Iling-Junior 7 - Subentra quando la partita è già chiusa e riaccende un minimo di speranza: prima l'assist per Milik, poi il traversone da cui scaturisce il gol di McKennie. Che esordio per il classe 2003!).

KEAN 6 - Segna il gol del momentaneo pareggio sfruttando una giocata di Vlahovic, poi si divora la doppietta (dal 46' Milik 6 - La girata con cui realizza il raddoppio bianconero vale la sufficienza).

VLAHOVIC 5,5 - Guadagna la sufficienza per aver favorito il tap-in di Kean per l'1-1. Corsa e grinta non mancano, qualche guizzo in più sotto porta sì (dal 70' Soulé 6 - Si mette in mostra nel finale partecipando all'azione del gol di McKennie).


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit