Atalanta-Gomez, la fine di un'era: i nerazzurri faranno sognare anche senza il Papu?

Niccolò Mariotto
Alejandro Gomez
Alejandro Gomez / Marco Luzzani/Getty Images
facebooktwitterreddit

È rottura totale tra Alejandro Gomez e Gian Piero Gasperini. Il fantasista argentino dell'Atalanta non è stato convocato per il match di questa sera contro la Roma per scelta tecnica, l'ipotesi di un addio a gennaio si fa man mano sempre più concreta con il passare dei giorni.

Alejandro Gomez
Alejandro Gomez / Emilio Andreoli/Getty Images

Ma se il Papu dovesse andarsene davvero come sembra, l'Atalanta riuscirà a sostituirlo a dovere o il numero 10 argentino è un giocatore insostituibile? Sarà il tempo a dircelo. Il candidato numero uno a prendere il posto di Gomez sulla trequarti nerazzurra è Ruslan Malinovskyi: l'ucraino è senza dubbio un giocatore di talento e di spessore che da un punto di vista strettamente tattico non avrà difficoltà a farsi valere come ha già più volte dimostrato nella scorsa e dell'attuale stagione. Il discorso cambia però se si prende in considerazione il punto di vista morale della situazione.

Alejandro Gomez
Alejandro Gomez / Soccrates Images/Getty Images

Senza nulla togliere a Malinovskyi, Gomez è di gran lunga un giocatore di maggior personalità e peso all'interno dello spogliatoio dell'Atalanta: l'argentino è un leader dentro ma soprattutto anche fuori dal campo, un professionista a 360 gradi. Se da un punto di vista tattico la sua assenza magari non si farà sentire più di tanto, dal punto di vista morale si farà sentire eccome e in una stagione lunga e densa di impegni questo fatto potrebbe fare la differenza. Viene difficile pensare che il rapporto tra l'argentino e la Dea sia al capolinea ma la frattura tra il giocatore e Gasperini pare inaggiustabile.


Segui 90min su FacebookInstagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Serie A.

facebooktwitterreddit