Juventus

Allegri: "Rinvio della partita col Napoli? Ci siamo preparati per giocare. Morata non parte"

Alessio Eremita
Massimiliano Allegri
Massimiliano Allegri / Alessandro Sabattini/GettyImages
facebooktwitterreddit

Massimiliano Allegri è intervenuto in conferenza stampa per parlare del big match dell'Allianz Stadium contro il Napoli. Ecco le dichiarazioni rilasciate dal tecnico della Juventus.

CONDIZIONE DELLA SQUADRA - "La squadra ha lavorato bene, ne avevamo bisogno. Abbiamo lavorato poco a parte l’ultima settimana. Bonucci fuori domani e domenica di sicuro, vediamo per la Supercoppa; Danilo la prossima settimana sarà a disposizione, Pellegrini e Kaio hanno avuto un attacco influenzale e hanno lavorato da soli, non ci saranno domani; abbiamo recuperato Chiesa e Dybala. Ramsey è tornato oggi dopo il permesso per lavorare in maniera differenzia in Inghilterra, comunque è un giocatore uscita. Per Arthur, aspettiamo oggi l’esito del tampone se è negativo. Abbiamo lavorato sul piano fisico e su quello tecnico. Abbiamo lavorato molto, ci servivano questi giorni. Da domani saremo pronti per affrontare le sei partite di gennaio che saranno molto importanti per la stagione. Abbiamo con la Samp una partita di Coppa Italia, poi la Supercoppa e quattro partite di campionato molto complicate”.

MORATA - “Morata non parte. È un giocatore che l’anno scorso ha fatto 21 gol, quest’anno già 7. È un giocatore di rendimento, il problema di Alvaro è che nel calcio ci sono le etichette. Ha numeri da giocatore importante ma è visto come uno a cui manca qualcosa. Io ci ho parlato e gli ho detto che da qua non si muove perché per trovare uno alla sua altezza serve prendere i migliori 4 o 5 attaccanti. Alvaro rimane con grande entusiasmo, chiuso il discorso”.

Alvaro Morata
Alvaro Morata / Marco Canoniero/GettyImages

DUBBI DI FORMAZIONE - "I difensori sono due, di terzini ne ho tre. Cuadrado è pure diffidato ma abbiamo partite una dopo l’altra. Chiesa sta molto bene, devo fare una scelta tra chi far giocare davanti. Chiesa e Dybala, essendo tornati entrambi da infortunio, potrebbero alternarsi. O gioca uno o gioca l'altro. Avendo fuori Ramsey e Arthur, Locatelli giocherà di nuovo centralmente e tra McKennie, Rabiot e Bentancur ne giocheranno due".

RINVIO DELLA PARTITA - "Ci sono gli organi di competenza che devono decidere. Noi possiamo solo allenarci e giocare con quelli che abbiamo. Questo è uno stato di emergenza e bisogna trovare le soluzioni, nel bene o nel male. Noi ci siamo preparati per giocarla e la giocheremo. Per noi è importante, dobbiamo pensare solo alla partita contro una squadra che ha cinque punti in più di noi e gioca bene. Le altre dinamiche non sono di mia competenza. Noi dobbiamo solo prepararci: allenamento stamattina, poi rifinitura. Sarà una partita difficile, il Napoli in emergenza a San Siro aveva già vinto contro il Milan. La mia opinione personale non conta niente, dico che bisogna rispettare i ruoli, chi comanda deve prendersi le responsabilità e decide. Non so quali siano alla lettera i decreti, ma so solo che se ci dicono che domani si gioca, noi dobbiamo prepararci e presentarci".

RINFORZO IN ATTACCO - "Al 99% la rosa rimane questa. I gol mancano dai centrocampisti, sulle palle inattive. L'attacco ha fatto il suo, abbiamo due acquisti come Dybala e Chiesa che ci daranno una grossa mano e faranno quattro mesi importanti. Gli acquisti a gennaio incidono poco, dobbiamo migliorare quello che abbiamo. Per raggiungere gli obiettivi bisogna viaggiare a una velocità di crociera che a noi è mancata, bisogna cercare di tenere sempre il motore acceso".

SCUDETTO - "L'Inter è la squadra nettamente favorita per vincere lo Scudetto. Non me ne voglia Inzaghi, ma può perderlo solo lei lo Scudetto. Noi dobbiamo fare un passetto alla volta e poi vediamo".


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit