Juventus

Allegri: "Prendiamo troppi gol, serve più lucidità"

Andrea Gigante
Massimiliano Allegri
Massimiliano Allegri / Emilio Andreoli/GettyImages
facebooktwitterreddit

La Juventus strappa il pareggio a pochi minuti dal termine contro un Bologna con due uomini in meno e si espone all'avvicinamento della Roma, che in caso di vittoria sul Napoli può andare a -3 in classifica. Al termine della partita, Massimiliano Allegri è intervenuto ai microfoni di DAZN per commentare la prestazione dei suoi. Ecco cos'ha dichiarato il tecnico dei bianconeri.

Strascichi della socnfitta con l'Inter?
"Assolutamente no. Siamo consci che per arrivare in Champions dobbiamo fare un passo alla volta. oggi siamo riusciti a pareggiare una partita complicata. Dopo l'1-0 abbiamo tirato molto in porta. Ultimamente prendiamo troppi gol e dobbiamo essere più sereni con la palla vicino all'area. Vediamo il bicchiere mezzo pieno: a inizio stagione queste partite le avremmo perse".

Sui continui cambi tattici negli ultimi minuti:
"Ci voleva ampiezza. Dovevo darla dopo il primo tempo. Loro erano bravi a uscire e noi in ritardo. Non dobbiamo deprimerci, per arrivare quarti c'è ancora da fare. Dobbiamo restare concentrati e pensare alla Fiorentina mercoledì".

Sulla posizione di Dybala:
"L'avevamo pensata così, poi abbiamo allargato Cuadrado per aumentare spazio tra le linee. Poi ho cambiato qualcosa e c'è stata una bella reazione. Negli ultimi quattro minuti dovevamo avere più lucidità di portare la palla vicino all'area e creare anche due azioni buone".

La Juve va spesso in svantaggio e non riesce a recuperare:
"Spesso però all'inizio andiamo in vantaggio noi e ci facciamo raggiungere. Nel primo tempo abbiamo giocato male, poi nel secondo dopo il gol ci siamo ripresi. Siamo andati vicini alla rete con Rabiot... certe occasioni vanno concretizzate".

Sulla lotta europea:
"Nel calcio succede di tutto. Io penso che la Fiorentina ha un buon calendario e ha lo scontro diretto contro di noi. Secondo me loro, Lazio la Roma abbiano un calendario migliore".

Le ultime due partite del campionato:
"Facciamo un passo alla volta e pensiamo alla Fiorentina. Perché poi nel calcio pensi a una cosa e ne succede un'altra. Dobbiamo lavorare e migliorare alcune cose".

Ha fatto tardi alle interviste perché aveva qualcosa da dire alla squadra?
"No, assolutamente. Oggi ho parlato serenemante allo spogliaoio, ci vuole sluciditàe non devi farti prendere dalla fretta. Anche se avessimo vinto oggi non avremmo avuto la certezza di arrivare al quarto posto".


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit