Juventus

Allegri svela: "Avevo firmato col Real, poi è arrivata la Juve e non ho avuto dubbi"

Max Allegri
Max Allegri / Gabriele Maltinti/GettyImages
facebooktwitterreddit

Un Massimiliano Allegri privo di remore e di peli sulla lingua quello intervistato da GQ, il tecnico della Juve si è raccontato con onestà e soprattutto si è soffermato su importanti retroscena legati al ritorno in bianconero e, ancor di più, al precedente accordo col Real Madrid poi disatteso. Questo quando dichiarato dall'allenatore della Juventus:

Sugli anni senza calcio: "Sono stato benissimo, a parte il secondo anno quando è scoppiato il Covid, come per tutti credo. A febbraio del 2020, quando è iniziato tutto, ero in montagna con mio figlio; siamo tornati l’otto marzo, c’era il lockdown, e quindi mi sono chiuso a casa mia a Livorno. Alla fine questi due anni mi servivano: ne ho fatti diciotto da giocatore e sedici da allenatore senza mai fermarmi. Quando poi ne esci, ti trovi a chiederti cosa ti eri perso, ti ricordi che c’è altro nella vita, gli amici per esempio. Io sono molto legato alla mia città, Livorno, ci ho finalmente passato un po’ di tempo. Sono stati anche momenti difficili, perché eravamo rinchiusi, però allo stesso tempo li ho vissuti bene. Il calcio mi è mancato soprattutto il secondo anno, però non l’ho mai vissuto come un’ossessione. Sono molto fatalista e le cose vanno lasciate andare, forzarle non ha senso".

Massimiliano Allegri
Il ritorno di Allegri / Stefano Guidi/GettyImages

Sul futuro e il ritiro: "Dico sempre questo: nel momento in cui sarò stanco o non avrò più voglia e non mi divertirò più, smetterò. E se non riuscirò ad accorgermene da solo spero che qualche mio amico me lo dica: «Smetti perché sei patetico»".

Il ritorno alla Juve: "Ho scelto di tornare alla Juventus, oltre al fatto di essere legato alla proprietà e al club, perché avevo il desiderio di stare accanto a mio figlio, che vive a Torino con la madre. Sono uno a cui piace avere tutti gli affetti vicini".

Il retroscena: "Avevo già firmato con il Real Madrid per questa stagione. Poi mi ha chiamato il Presidente della Juventus e ho accettato subito la loro chiamata. Il Presidente del Real Madrid mi ha ringraziato. Non ho mai avuto dubbi sull'accettare di nuovo la Juve da quando a maggio mi ha richiamato".

Il no al Real: ​"Al Real ho detto no due volte. La prima è stata mentre ero in fase di rinnovo con la Juve: dissi al presidente del Real che avevo già dato la mia parola a Andrea Agnelli".

The Real Madrid Club Badge
Real Madrid / Visionhaus/GettyImages

Su Morata: "Quando la società ha preso Vlahovic, la sera, ho chiamato Álvaro e gli ho detto: «Non ti muovi da qui perché ora con lui diventi un giocatore molto più importante», penso sia stato così. Discutere Morata a livello tecnico è da pazzi; è normale che se gli si chiede di far cose che non è in grado di fare possa non rendere al meglio, ma non dimentichiamoci che lui si è messo a disposizione e ha giocato per mesi in una posizione che non era propriamente la sua".

Sull'arrivo di Vlahovic: "Dusan è un ragazzo giovane e con poca esperienza internazionale. Ha qualità, vuole migliorare ed ha tutto il tempo per farlo. Sotto porta ha una grandissima cattiveria. Nel mondo lui con Mbappe e Haaland sono i più forti. Penso che la Juventus abbia fatto un acquisto importante".


Segui 90min su Instagram.

facebooktwitterreddit